Tobias Rehberger

Image

Tobias Rehberger

Ecco fatto: un grande tributo a Tobias Rehberger

In mostra al Kunstmuseum i lavori più recenti del poliedrico artista tedesco di fama internazionale

La grande monografica «Lo faccio se non lo faccio» (I do if I don’t) che il Kunstmuseum dedica fino al 28 agosto allo scultore, professore d’arte e poliartista tedesco di fama internazionale Tobias Rehberger (Esslingen am Neckar, 1966), presenta alcuni gruppi centrali di opere create negli ultimi trent’anni di attività dall’un tempo allievo di Thomas Bayrle e Martin Kippenberger alla scuola di Francoforte.

Si tratta delle sue famose, multiformi installazioni luminose (i Fensterbilder o window paintings e i vaso-ritratti) e di una serie di sculture che giocano con gli effetti di luce e ombra all’interno di un allestimento spaziale creato ad hoc per coinvolgere il più possibile il pubblico nella partecipazione attiva all’arte esposta.

La mostra è anche un’occasione per conoscere gli ultimissimi, inediti lavori di Rehberger come una grande installazione di elementi illuminanti disposta sulla facciata del museo che oltre a introdurre in maniera colorata alla visita della mostra, anticipandone gli esuberanti motivi, invita tutti i passanti a interagirvi, magari convincendoli all’ingresso e alla sperimentazione più diretta della sua opera.

Rehberger ha anche progettato esclusivamente per questa mostra un grande cubo con sculture stampate in 3D che funge da luogo di sosta e scambio al terzo piano del museo e un piccolo gruppo di ceramiche, piatto-ciotola-tazza: anche qui si tratta in prima istanza di prodotti in stampa 3D successivamente rifiniti pezzo per pezzo dall’artista.

Artista completo, Rehberger si muove liberamente tra pittura, scultura, design, action art e architettura, interessandosi tanto alla produzione di interventi artistici minimi quanto di ambienti e grandi spazi.

Tobias Rehberger

Francesca Petretto, 25 aprile 2022 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nella Schirn Kunsthalle una personale dell’artista bosniaca che si batte per l’autoemancipazione collettiva delle donne oppresse

All’Hamburger Kunsthalle 120 opere del poeta e artista inglese in prestito dal Fitzwilliam Museum di Cambridge

Oltre 250 opere per «The Velvet Rage», il libro che descrive che cosa significa essere omosessuali in un mondo etero

La prima personale in Germania del fotografo afroamericano tra fotografia e videoarte all’Amerika Haus di Berlino

Ecco fatto: un grande tributo a Tobias Rehberger | Francesca Petretto

Ecco fatto: un grande tributo a Tobias Rehberger | Francesca Petretto