«Huairou», 2013, di Stefano Cerio

Image

«Huairou», 2013, di Stefano Cerio

Divertimenti vuoti

Gli «Amusement places» di Stefano Cerio in mostra al Museo Pignatelli di Napoli

Un percorso sul divertimento di massa lungo 10 anni è offerto dalla mostra di Stefano Cerio, «Amusement Places». Dal 6 giugno al 15 luglio il Museo Pignatelli mette in scena 30 foto di grande formato e due video in hd. L’esposizione a cura di Denise Pagano (promossa dal Polo Museale della Campania, in collaborazione con gli Incontri Internazionali d’Arte e lo Studio Trisorio) attinge dai progetti «Acquapark» (2010), «Night Ski» (2011), «Cruise ship» (2012), «Chinese Fun» (2013), fino a «Night Games» (2017).

«I miei sono lavori sull’assenza, afferma Cerio, questi luoghi nascono per essere fruiti da milioni di persone, io li fotografo nel momento in cui sono vuoti ma c’è nella loro rappresentazione la proiezione di tali presenze. Attraverso la luce artificiale ne disegno i volumi e impongo una visione rigorosa e analitica in netto contrasto con l’irrazionalità dei soggetti».

Articoli correlati:
I giochi notturni di Cerio

«Huairou», 2013, di Stefano Cerio

Graziella Melania Geraci, 04 giugno 2018 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Dopo lo straordinario carro cerimoniale, emergono gli attrezzi del carpentiere e un sacello affrescato nel quartiere servile meridionale della famosa villa ai limiti di Pompei, saccheggiata più volte e divisa in due dalla strada

Il progetto, da un’idea del sindaco di Parabita Stefano Prete, modernizza la visione e recupera questi piccoli tempietti nel centro storico del paese in provincia di Lecce, attraverso il contributo di 16 artisti 

Nata a Tirana, ma da anni in Italia, la pittrice Iva Lulashi sviluppa nella mostra curata da Antonio Grulli un progetto ispirato alle teorie della rivoluzionaria pensatrice femminista russa Alexandra Kollontai

Nella Regio IX del Parco Archeologico scoperti raffinati affreschi che rimandano alla guerra di Troia

Divertimenti vuoti | Graziella Melania Geraci

Divertimenti vuoti | Graziella Melania Geraci