«Nude», 2016, di Ren Hang. Cortesia Stieglitz19 e Ren Hang Estate

Image

«Nude», 2016, di Ren Hang. Cortesia Stieglitz19 e Ren Hang Estate

Al Pecci gli stranianti nudi di Ren Hang

90 fotografie del poeta cinese morto suicida

Il Centro Pecci ha riaperto con la mostra «Nudi», a cura di Cristiana Perrella, dedicata al fotografo e poeta Ren Hang (nato nel 1987 a Chang Chun e morto suicida nel 2017). Fortemente censurato dal Governo cinese per i suoi scatti che raccontano una gioventù ribelle e diversa, che vive il proprio corpo e la sessualità in modo libero e spregiudicato, Hang esprime un sottile equilibrio tra crudezza (con allusioni a pratiche di feticismo e masochismo) e visionarietà.

La rivendicazione del nudo è per Hang essenziale («Siamo nati nudi… Io fotografo solo le cose nella loro condizione più naturale») e il suo sguardo trasforma corpi dall’incerta identità sessuale, androgini quelli femminili, nonostante il forte rossetto sulle labbra, esili e glabri quelli maschili, dalla carnagione bianchissima e dai volti incorniciati da capelli scuri, in sculture e perfino in paesaggi.

Ad accentuare il carattere straniante, ma anche malinconico e misterioso, sono le ambientazioni scelte, tra tetti di grattacieli di Pechino e foreste di alberi, volti che spuntano da foglie, nudi con pavoni, o con fiori, che rimandano auna sensibilità per il rapporto uomo natura assai viva nelle ultime generazioni. E gli stessi temi si ritrovano nella sua produzione poetica, incentrata su vita, morte e desiderio.

La mostra, la prima in Italia (dopo la personale al Foam di Amsterdam, 2017 e alla Maison de la Photographie di Parigi e a C/O di Berlino, 2019), riunisce fino al 23 agosto novanta fotografie provenienti da collezioni internazionali, oltre alla documentazione del backstage di uno shooting di Hang nel Wienerwald nel 2015 e a una ricca selezione di libri fotografici.

«Nude», 2016, di Ren Hang. Cortesia Stieglitz19 e Ren Hang Estate

Laura Lombardi, 30 giugno 2020 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

La galleria Il Ponte di Firenze, che già nel 2019 gli aveva dedicato un «close up», presenta una retrospettiva dell’artista greco tra il 1959 e il 2022

L’artista cinese torna nella Galleria Continua con opere, anche inedite, dal 1995 ad oggi

Dopo un intervento presso l’Opificio delle Pietre Dure, che ha evidenziato l’eccezionalità della tecnica del maestro della Maniera, l’opera ha ripreso il proprio posto

Una retrospettiva alla Fondazione Ragghianti ripercorre l’intera carriera artistica dell’artista tedesco, dagli anni della formazione fino al periodo conclusivo della sua vita

Al Pecci gli stranianti nudi di Ren Hang | Laura Lombardi

Al Pecci gli stranianti nudi di Ren Hang | Laura Lombardi