«Dawidgrodek» (1971) di Frank Stella © Courtesy Wiesbaden Museum Foto Dejan Saric

Image

«Dawidgrodek» (1971) di Frank Stella © Courtesy Wiesbaden Museum Foto Dejan Saric

Al Museum Wiesbaden Frank Stella fa spazio

Il pittore e scultore minimalista statunitense s’interroga sui principi fondamentali della storia della pittura

L’edizione 2022 del Premio Alexej von Jawlensky, istituito dalla Capitale del Land dell’Assia insieme a Spielbank Wiesbaden e Nassauische Sparkasse, è andata a Frank Philip Stella (1936). Al vincitore, oltre al premio in denaro, spetta la possibilità di presentare una personale al museo cittadino, il Museum Wiesbaden, e di vendere allo stesso una propria opera.

La mostra omonima «Frank Stella» (10 giugno-9 ottobre) è un invito alla scoperta dei mondi complessi del pittore e scultore minimalista statunitense, di un’arte ricca di riferimenti letterari, non astratta, non rappresentativa in senso convenzionale. Nella mostra di Wiesbaden sono ospitate alcune tra le opere più rivoluzionarie e celebri di Stella messe a confronto con quelle più significative della collezione di casa.

Artista che cerca sempre riferimenti al passato che ha studiato, occupandosi di varie epoche e stili, Stella non si è mai sentito distante dai molti illustri colleghi che l’hanno preceduto, Jawlensky in primis tra loro, perché, dice: «I problemi della pittura e le domande fondamentali che hanno accompagnato tutti i pittori attraverso i secoli sono sempre i medesimi».

Così, per esempio, i temi dell’astrazione o della rappresentazione, del segno e dell’ornamento, ritornano in studi e opere di Stella che ha lavorato e riflettuto soprattutto sull’ultimo: «In definitiva l’obiettivo dell’arte è quello di creare spazio; spazio che non è compromesso dalla decorazione o dall’illustrazione; spazio in cui i soggetti della pittura possono vivere. Questo è sempre stata la pittura».

«Dawidgrodek» (1971) di Frank Stella © Courtesy Wiesbaden Museum Foto Dejan Saric

Francesca Petretto, 09 giugno 2022 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

All’Hamburger Kunsthalle 120 opere del poeta e artista inglese in prestito dal Fitzwilliam Museum di Cambridge

Oltre 250 opere per «The Velvet Rage», il libro che descrive che cosa significa essere omosessuali in un mondo etero

La prima personale in Germania del fotografo afroamericano tra fotografia e videoarte all’Amerika Haus di Berlino

Installazioni, fotografie e neon dell’artista israeliana, protagonista del Padiglione tedesco alla Biennale di Venezia, in mostra a Brema

Al Museum Wiesbaden Frank Stella fa spazio | Francesca Petretto

Al Museum Wiesbaden Frank Stella fa spazio | Francesca Petretto