Un’opera senza titolo del 2017 di Kader Attia. Cortesia dell’artista e della Galleria Continua. Foto Toni Hafkenscheid

Image

Un’opera senza titolo del 2017 di Kader Attia. Cortesia dell’artista e della Galleria Continua. Foto Toni Hafkenscheid

Al Gropius Bau chi ripara guarisce

Una collettiva richiama l’attenzione sulle connessioni tra trauma coloniale, fisico, psicologico e materiale e invita a ripensare le istituzioni artistiche

Collettiva di quelle ricche a cui ci ha abituato il Gropius Bau negli ultimi anni è «Yoyi! Sul prendersi cura, riparare e guarire», che presenta dal 16 settembre al 15 gennaio il lavoro di venti artisti (si spazia da Artemisia Gentileschi a Paula Rego) sul tema della riparazione in quanto ammenda, risarcimento, riscatto e guarigione.

A cura di Brook Andrew, Kader Attia, Natasha Ginwala, Bárbara Rodríguez Muñoz e Stephanie Rosenthal con Clare Molloy, in collaborazione con Serafine1369, la mostra sembra un approfondimento della contemporanea Biennale d’Arte di Berlino (fino al 18 settembre), parlando di sistemi di conoscenza postcoloniali e indigeni, mettendo in discussione la determinazione straniera dei corpi femminili ed evidenziando il cambiamento delle nozioni di disabilità e non disabilità.

Le installazioni, i dipinti e le sculture, i formati audio e le performance ospitate fanno riferimento a un immaginario di oggetti, tramite metaforico per affrontare i mali dell’anima che sfociano nei dolori dei corpi oppressi: ripariamo oggetti come curiamo i corpi; la medicina e la chirurgia non sono poi così distanti dal lavoro di un artigiano che aggiusta qualcosa che si è guastato: l’oggetto simboleggia il trauma materiale con ripercussioni sulla psiche.

La mostra richiama l’attenzione sulle connessioni tra trauma coloniale, fisico, psicologico e materiale; partendo dall’evento «Ámà: 4 Days on Caring, Repairing and Healing» tenutosi nel novembre 2021, toccando temi la cui urgenza è divenuta ancor più acuta in tempi di pandemia, invita anche a ripensare le istituzioni artistiche e a mettere in discussione ciò che è accessibile a chi.

Un’opera senza titolo del 2017 di Kader Attia. Cortesia dell’artista e della Galleria Continua. Foto Toni Hafkenscheid

Francesca Petretto, 15 settembre 2022 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nella Schirn Kunsthalle una personale dell’artista bosniaca che si batte per l’autoemancipazione collettiva delle donne oppresse

All’Hamburger Kunsthalle 120 opere del poeta e artista inglese in prestito dal Fitzwilliam Museum di Cambridge

Oltre 250 opere per «The Velvet Rage», il libro che descrive che cosa significa essere omosessuali in un mondo etero

La prima personale in Germania del fotografo afroamericano tra fotografia e videoarte all’Amerika Haus di Berlino

Al Gropius Bau chi ripara guarisce | Francesca Petretto

Al Gropius Bau chi ripara guarisce | Francesca Petretto