Villa Carlotta a Tremezzo (Co)

Image

Villa Carlotta a Tremezzo (Co)

A Villa Carlotta con Canova e Arienti

Riapre al pubblico in primavera la casa del famoso collezionista dell’800 Giovanni Battista Sommariva, con una programmazione che spazia dall’antico al contemporaneo

Con l’arrivo della primavera, il 18 marzo, Villa Carlotta riapre al pubblico le sue sale colme di tesori d’arte, da Canova a Bertel Thorvaldsen ad Hayez, riuniti dal suo secondo proprietario, il famoso collezionista dell’800 Giovanni Battista Sommariva, e il meraviglioso parco affacciato sul Lago di Como, con le spettacolari fioriture di camelie, azalee, rododendri, rose, ortensie.

Come ogni anno, a tutto ciò si aggiungono le mostre: per l’arte contemporanea, dal 13 maggio al 30 settembre va in scena «Quadrante solare. Stefano Arienti a Villa Carlotta», a cura di Flavio Chimento con Carlotta Minarelli, un progetto concepito dall’artista (che per la prima volta si cimenta con un contesto naturalistico) tanto per gli interni quanto, soprattutto, per il giardino della Villa. Il tema è quello a lui caro della meridiana.

Dal 22 marzo al 4 ottobre Antonio Canova, vero nume tutelare di Villa Carlotta, sarà ancora una volta protagonista di una mostra, «Canova e il Potere. La collezione Giovanni Battista Sommariva», in cui si rende omaggio al maestro, ricostruendo le relazioni che intessé con i protagonisti della politica e della cultura del suo tempo, e al tempo stesso si rinsaldano i rapporti con il Museo Gypsoteca Antonio Canova di Possagno.

Da marzo a settembre, nelle sale del mezzanino, saranno poi visibili le due rassegne «Vita in Villa. Le collezioni del museo» e «Dall’Italia e dal Mondo a Villa Carlotta. Venticinque anni di storia nei libri firma dei visitatori (1844–1869)», e qui ci s’imbatterà nelle molte personalità che frequentarono questo luogo magnifico: Alexandre Dumas; la regina Anna dei Paesi Bassi con il figlio Alberto nel 1846, Teresita, la figlia di Garibaldi, nel 1859; Giulio Ricordi (editore musicale); Giuseppe Bertini famoso pittore. Ma ci passarono anche, pur senza firmare, lasciandone commenti entusiastici, Gustave Flaubert e Mary Shelley.

«Vita in Villa. Viaggio nel tempo alla scoperta dei sotterranei» è anche il tema del nuovo spazio multimediale (di Sfelab con Innovamusei), che da aprile racconterà in modo interattivo e immersivo, con oggetti e personaggi che animano le stanze, la vita quotidiana che si svolgeva nel seminterrato (aperto solo ora al pubblico), dove viveva e operava la servitù. Da novembre a dicembre sarà la volta del progetto «Le meraviglie del giardino», con cui si evidenzierà lo stretto rapporto tra il Museo e la superba natura che lo circonda cui, da quest’anno ma soprattutto nel 2024, si aggiungono gli eventi per il Bimillenario Pliniano.

Numerosi gli eventi, le giornate speciali e gli appuntamenti, anche musicali (tra gli altri, LacMus Festival nel mese di luglio), proposti da Villa Carlotta (istituzione diretta da Maria Angela Previtera), anche in rete con altri splendidi siti del territorio, dal Museo del Paesaggio e Villa del Balbianello di Tremezzina a Villa Melzi di Bellagio e Villa Monastero di Varenna, al Distretto del Centro Lago e l’Associazione Turistica Tremezzina.

Villa Carlotta a Tremezzo (Co)

Ada Masoero, 16 marzo 2023 | © Riproduzione riservata

Articoli precedenti

In Triennale Milano una grande mostra con oltre 400 lavori dell’architetto, designer, artista, critico e direttore di riviste, curata da Fulvio Irace

Presentata a Milano la nuova grande installazione site specific di Michelangelo Pistoletto che inaugurerà il 18 aprile a Venezia il nuovo spazio Sanlorenzo Arts

Opere di artisti di assoluto rilievo del secolo scorso compongono un percorso eterogeneo nello spazio milanese della galleria 

A Villa Carlotta con Canova e Arienti | Ada Masoero

A Villa Carlotta con Canova e Arienti | Ada Masoero