«Gabriel», installazione di Daniele Basso

Image

«Gabriel», installazione di Daniele Basso

Volare mentre canta Bocelli

15 sculture di Daniele Basso in acciaio e specchi

Sono una quindicina le sculture che Daniele Basso ha realizzato per la sua personale «In Volo», a cura di Matteo Graniti e allestita dall'8 luglio al 15 settembre tra la piazza Vittorio Veneto e le sale del Palazzo Comunale.

Monumentali, in acciaio e specchi, nelle loro superfici riflettenti e spigolose le opere si pongono come metafora di un’esistenza intesa come cambiamento continuo e costante ridefinizione di un’identità culturale.

Lavori come «Naturae», che riecheggia la «Venere» di Botticelli, «Re Leone», dalla solennità ferina o lo spaventevole uomo nero di «Boogeyman», «sono, racconta Basso, i tentativi di accedere a un livello superiore di conoscenza, a partire da un riconoscimento delle proprie paure, verso una rinnovata armonia con quanto ci circonda». Il suo monumentale e alato «Gabriel», infine, farà da sfondo allo spettacolo di Andrea Bocelli «Ali di Libertà» in programma il 25 e 27 luglio nel Teatro del Silenzio.

«Gabriel», installazione di Daniele Basso

Mariacarla Molè, 05 luglio 2019 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Leggere l’enciclopedia del poliedrico artista è come entrare nella tana del bianconiglio

Alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino la videoinstallazione «Air Pressure (A diary of the sky)» racconta la violenza nei cieli del Libano

Un’installazione dell’artista britannico pensata per le Ogr

Volare mentre canta Bocelli | Mariacarla Molè

Volare mentre canta Bocelli | Mariacarla Molè