Il Museo della Carta e della Filigrana

© Adriano Maffei

Image

Il Museo della Carta e della Filigrana

© Adriano Maffei

Fabriano oltre il fascino irresistibile della carta

Nella città marchigiana anche il palio, mostre, festival e musei nei prossimi cinque mesi

«La portata e la complessità delle trasformazioni globali degli ultimi decenni hanno avuto inevitabili ripercussioni anche nel settore culturale. Fabriano Città Creativa Unesco interpreta l’essenza dinamica della cultura, la sua funzione fondamentale e trasformativa nella società. Fabriano è stata protagonista del Gotico Internazionale e di un’importante fioritura monumentale e artistica nei secoli. La tradizione della Carta e della Filigrana rappresenta un segno di eccellenza e unicità. È necessario tutelare e valorizzare il patrimonio storico artistico e culturale, materiale e immateriale, perché da esso si possa costruire futuro. L’arte e la cultura stimolano idee e valori, generano innovazione». Le parole di Maura Nataloni, assessora alla Bellezza del Comune di Fabriano, illustrano i propositi cui aderisce l’articolata proposta culturale della città, che si snoda fra tradizione, eccellenze e linguaggi del contemporaneo. 

Dal 13 giugno la città celebra il santo patrono con il Palio di San Giovanni Battista, che dopo secoli di oblio si svolge regolarmente dal 1995. I quattro quartieri della città si affronteranno in competizioni storiche, mentre il vincitore si aggiudicherà il 24 giugno il titolo di miglior fabbro. Nella suggestiva cornice del Museo della Carta e della Filigrana, dal 13 luglio al 30 settembre, dopo la chiusura della Mostra Internazionale Fabriano in Acquarello (anche al Palazzo del Podestà, fino 15 giugno), avrà luogo il Premio Biennale Internazionale «Marche d’Acqua Fabriano Watercolour», competizione artistica sull’acquerello, tra i più importanti riferimenti mondiali.

La musica accompagna poi l’estate a Fabriano con il Fabrijazz, organizzato dall’Associazione Fabriano Pro Musica: presenze internazionali avvieranno la IV edizione, il 5 giugno al Teatro Gentile, che si concluderà tra il 20 e il 25 agosto nei Giardini del Poio, con approfondimenti didattici. Al fresco di quegli stessi giardini a luglio e agosto si svolgerà la rassegna Cinema in Giardino, promossa dall’Assessorato alla Bellezza, Cultura e Unesco del Comune di Fabriano. Sempre nei mesi di luglio e agosto la «Notte nei musei» sarà un modo per scoprire i siti culturali della città sotto una luce suggestiva. Dal 19 al 22 settembre sarà poi la volta della seconda edizione di «Fabriano Carta è cultura», con mostre, conferenze, esposizioni e spettacoli per celebrare l’eccellenza creativa nel campo della carta e della filigrana. Si terrà il 5 ottobre nel Teatro Gentile da Fabriano il prestigioso Premio Nazionale Gentile da Fabriano, che si rivolge a tre ambiti autorevolmente presentati a Fabriano: cultura, impresa e istituzioni pubbliche. Infine, il 12 ottobre, in occasione della Giornata del Contemporaneo, verrà presentato alla Pinacoteca Civica Bruno Molajoli «Artificio naturale», progetto di Paolo Icaro a cura di Marcello Smarrelli (Pac del MiC 2024), primo tassello del costituendo Museo di arte contemporanea della città.

Teatro Gentile da Fabriano. © Giulio Brega

Olga Scotto di Vettimo, 10 giugno 2024 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Per i prossimi sei mesi vari spazi della città ospitano gli 11 progetti selezionati dal primo bando del Comune sull’arte contemporanea: mostre diffuse, workshop, talk e visite guidate

Al Museo Civico Gaetano Filangieri le opere dell’artista campana costituiscono una sorta di Wunderkammer contemporanea

Palazzo Ciacchi ospita più di sessanta opere provenienti dai depositi delle raccolte civica pesaresi

Una collettiva rilegge le trasformazioni sociali e antropologiche della città partenopea in un’epoca di grandi cambiamenti

Fabriano oltre il fascino irresistibile della carta | Olga Scotto di Vettimo

Fabriano oltre il fascino irresistibile della carta | Olga Scotto di Vettimo