AUTORI VARI

Viaggi di carta • A Roma le Mura Aureliane, nel Mediterraneo sulle rotte dei popoli antichi e una guida alle guide di viaggi

Redattori, corrispondenti, collaboratori e lettori di «Il Giornale dell’Arte» sono i nostri esploratori e investigatori delle occasioni, eccezioni e stranezze che ogni mese il mercato internazionale dell'arte continua a offrirci

Redattori, corrispondenti, collaboratori e lettori di «Il Giornale dell’Arte» sono i nostri esploratori e investigatori delle occasioni, eccezioni e stranezze che ogni mese il mercato internazionale dell'arte continua a offrirci

Redattori, corrispondenti, collaboratori e lettori di «Il Giornale dell'Arte» sono i nostri esploratori e investigatori delle occasioni, eccezioni e stranezze che ogni mese il mercato internazionale dell'arte continua a offrirci

Redattori, corrispondenti, collaboratori e lettori di «Il Giornale dell'Arte» sono i nostri esploratori e investigatori delle occasioni, eccezioni e stranezze che ogni mese il mercato internazionale dell'arte continua a offrirci

Redattori, corrispondenti e collaboratori segnalano opere interessanti in vendita. In queste scelte, il gusto, la curiosità e lo stupore di chi le ha proposte, ma anche un po’ di gioco d’azzardo (la selezione avviene in anticipo sulla vendita). Ecco alcune delle «scommesse» fatte nei 12 mesi passati, alcune vinte, altre perse

Sono lontani gli anni delle grandi inaugurazioni come il Louvre Abu Dhabi, ma c’è molta attesa per «Brera Modern», per l’Egizio di Torino riconfigurato da Oma nel bicentenario e per il Reinhard Ernst Museum firmato Fumihiko Maki

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta del 21 dicembre, con 109 firmatari tra artisti, architetti, fotografi, giornalisti, storici dell’arte, curatori, editori, docenti, bibliotecari e stampatori, sulla destinazione dell’Istituto centrale della grafica nella prossima riorganizzazione del Ministero della Cultura

Articoli precedenti

Sessantasette addetti ai lavori si schierano in difesa di Sergio Risaliti accusato da Eike Schmidt di fare solo mostre blockbuster e auspicano che la cultura a Firenze non diventi solo una questione politica che mette le istituzioni pubbliche una contro l’altra

Sono tutti nella seconda decade di maggio gli appuntamenti alle aste di settore