Image
Image

Piccolo grande Klee

Micaela Deiana

Leggi i suoi articoli

Fino al 14 febbraio è visitabile al museo Man la mostra «Paul Klee. Mondi animati», a cura di Pietro Bellasi e Guido Magnaguagno, con il coordinamento scientifico di Raffaella Resch. Il progetto espositivo fa parte di un programma di ricerca pluriennale sugli aspetti meno noti della produzione dei grandi artisti del Novecento.

Così, dopo l’appuntamento dello scorso autunno sul rapporto fra Alberto Giacometti e l’archeologia, quest’anno il museo si concentra sulla figura dell’artista svizzero (1879-1940), di cui indaga la poetica seguendo il filo rosso dell’animismo, del principio vitale generativo insito nella materia delle cose.

La mostra raccoglie una cinquantina di opere, grazie a prestiti museali e collezionisti privati, fra tele, acquerelli e disegni. Preziosi e per lo più di piccolo formato, quello su cui più comunemente si esprimeva Klee, i lavori vengono valorizzati da un allestimento teatrale, che risolve intelligentemente le esigenze illuminotecniche (vista la delicatezza di molti dei materiali) e coniuga le necessità conservative con un alto impatto emozionale, invitando lo spettatore a una fruizione ravvicinata e intima. Il catalogo è pubblicato da Magonza Editore.

Micaela Deiana, 07 gennaio 2016 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Si distinguono i Paesi del Sud globale, che davanti alle incertezze geopolitiche e alle tensioni irrisolte della colonizzazione e dello sfruttamento cercano un’identità nella natura e nei luoghi che storicamente hanno ospitato la vita delle comunità. Un ritorno alle radici che spesso guarda al sacro 

Il progetto di Massimo Bartolini è un continuum tra interno ed esterno ed è la musica ad accompagnare il visitatore. Gli spazi all’Arsenale, sulle onde di un ipnotico mantra, sono il luogo della temperanza e di un’esperienza spirituale in cui connettersi a sé stessi e, quindi, alla moltitudine

Manal AlDowayan (1973) rappresenta il suo Paese con una mostra firmata da tre curatrici, Jessica Cerasi, Maya El Khalil e Shadin AlBulaihed, realizzata con le voci di settecento donne

La seconda edizione della mostra in Arabia Saudita coinvolge 100 autori del Golfo e dell’Asia orientale in equilibrio fra concettuale e sensorialità, per riflettere su ecologia e condivisione

Piccolo grande Klee | Micaela Deiana

Piccolo grande Klee | Micaela Deiana