Image
Image

Nivola tutto nuovo

Micaela Deiana

Leggi i suoi articoli

Si apre una nuova stagione per la Fondazione Museo Nivola con un nuovo Cda (Antonella Camarda, vicepresidente, Cristina Baiocchi, Carlo Pirovano, Richard Ingersoll, Francesco Murru, Gianluca Nonnis, Franco Pani, Marco Taula, Roberto Virdis) deciso a superare la crisi che, un anno fa, ha portato il museo sull’orlo della chiusura. Alla guida è Giuliana Altea, professore di Storia dell’arte contemporanea all’Università di Sassari, fra i più attenti studiosi dell’artista, che dichiara di volere una nuova gestione basata su accessibilità, sostenibilità, radicamento al territorio e dialogo con la cultura internazionale. Una linea disegnata a misura di Costantino Nivola, legato alla cultura d’origine ma allo stesso tempo in dialogo con i maggiori intellettuali di New York, sua seconda casa, e non solo: da Jackson Pollock a Saul Steinberg a Le Corbusier. La nuova fase partirà dalla collezione, presto protagonista di un nuovo allestimento, e proseguirà con un programma di residenze e mostre temporanee caratterizzate da un approccio interdisciplinare, fra arte, design, architettura e spazio pubblico. Intanto il museo lancia un nuovo sito web, realizzato grazie a Tiscali, un logo progettato da Paolo Bazzani e una serie di gadget firmati dallo stilista Antonio Marras.



Micaela Deiana, 30 marzo 2015 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Si distinguono i Paesi del Sud globale, che davanti alle incertezze geopolitiche e alle tensioni irrisolte della colonizzazione e dello sfruttamento cercano un’identità nella natura e nei luoghi che storicamente hanno ospitato la vita delle comunità. Un ritorno alle radici che spesso guarda al sacro 

Il progetto di Massimo Bartolini è un continuum tra interno ed esterno ed è la musica ad accompagnare il visitatore. Gli spazi all’Arsenale, sulle onde di un ipnotico mantra, sono il luogo della temperanza e di un’esperienza spirituale in cui connettersi a sé stessi e, quindi, alla moltitudine

Manal AlDowayan (1973) rappresenta il suo Paese con una mostra firmata da tre curatrici, Jessica Cerasi, Maya El Khalil e Shadin AlBulaihed, realizzata con le voci di settecento donne

La seconda edizione della mostra in Arabia Saudita coinvolge 100 autori del Golfo e dell’Asia orientale in equilibrio fra concettuale e sensorialità, per riflettere su ecologia e condivisione

Nivola tutto nuovo | Micaela Deiana

Nivola tutto nuovo | Micaela Deiana