Image
Image

Niente arte senza Lego

Anna Orlando

Leggi i suoi articoli

Censura e discriminazione. Queste le ultime accuse di Ai Weiwei alla Lego dopo che a fine ottobre la società danese gli ha rifiutato la fornitura di mattoncini per un’installazione alla National Gallery of Victoria a Melbourne, temendo che fosse una provocazione politica contro Pechino. Parole pesanti quelle dell’artista, comprensibilmente e prevedibilmente sostenuto dai suoi numerosi fan.

Ma bisogna stare attenti alle insidie dell’attuale sistema delle comunicazioni che con un click lancia un messaggio in tutto il pianeta. La velocità e superficialità che sono proprie del web e dei social possono alimentare fraintendimenti. Per ciò che riguarda una parola, se ne può facilmente travisare il significato originario.

Si tratta davvero di censura? È corretto parlare in questo caso di discriminazione? Capace di una straordinaria amplificazione mediatica, il «Maestro», come scrivono sarcasticamente siti cinesi a lui ostili (alcuni sostengono che gli occidentali hanno trasformato Weiwei in un «Buddha vivente»; www.east-west-dichotomy.com/nolegosforweiwei-no-lego-politics-for-ai-weiwei-please) ha un’audience come pochi altri artisti al mondo.

Noi occidentali, democratici, amanti dell’arte in tutte le sue forme senza «discriminazioni»; noi che cerchiamo di accantonare le prevenzioni e gli snobismi che si accompagnano al mestiere (di critico, storico, collezionista, di amante dell’arte in generale), vorremmo che tutti gli artisti del mondo avessero a disposizione gli strumenti utili a dar sfogo alla loro creatività. Ma vorremo anche che la popolarità, di chiunque (artisti compresi), non portasse a travisare il significato, serissimo e sacrosanto, di termini di tale portata. In questo caso, Weiwei, non parlare di censura.

Anna Orlando, 01 dicembre 2015 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Un confronto fra gli allestimenti a Palazzo Te tra gli affreschi di Giulio Romano e in mezzo ai capolavori della Galleria Borghese

Riceviamo e pubblichiamo una lettera della storica dell’arte Anna Orlando, in merito alle polemiche suscitate dalla mostra su Artemisia in corso al Palazzo Ducale di Genova

Ha il patrocinio del Rubenianum di Anversa il restauro della grande tela del pittore fiammingo per la Chiesa del Gesù a Genova

Paolo Verri affianca il sindaco di Genova Marco Bucci alla guida della finale di The Ocean Race 2023. Un appuntamento velistico internazionale trasformato in un evento culturale per tutti

Niente arte senza Lego | Anna Orlando

Niente arte senza Lego | Anna Orlando