Image
Image

Gli amici filosofi

Image

Laura Lombardi

Leggi i suoi articoli

Nove sculture cinetiche realizzate da Jean Tinguely (Friburgo, 1925 - Berna, 1991) tra il 1988 e l’89 e provenienti dal Museo di Basilea intitolato all’artista sono esposte alla Fondazione Culturale Hermann Geiger sino al 20 settembre nella mostra «Jean Tinguely. I Filosofi», a cura del direttore artistico Alessandro Schiavetti. Nelle opere che ritraggono idealmente Martin Heidegger, Henri Bergson, Jacob Burckhardt, Friedrich Engels, Pjotr Kropotkin, Wedekind, Ludwig Wittgenstein (nella foto), Jean-Jacques Rousseau e Wackernagel, Tinguely riunisce le figure che lo spinsero ad abbandonare il marxismo degli anni giovanili e ne evoca il pensiero attraverso rottami in movimento, come di consueto nella sua produzione. I filosofi possono essere tutti attivati dai visitatori per restituire la suggestione dei suoni prodotti e cogliere appieno il senso del  movimento, segno caratterizzante la ricerca di Tinguely fin dagli anni giovanili.  A ricordare il sodalizio anche artistico che unì lo scultore alla moglie Niki de Saint Phalle sono in mostra anche tre sue coloratissime sedie in legno, vetro colorato e pietre. 

Laura Lombardi, 21 luglio 2015 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

A Firenze, nel Museo del Novecento e nel Museo degli Innocenti, sculture, installazioni e disegni dell’artista francese

Intanto nel museo di arti decorative riaprono due sale con un nuovo allestimento, rispettivamente dedicate all’arte islamica e alle maioliche

La 31ma edizione della manifestazione che riflette in chiave contemporanea sulla produzione secolare della manifattura toscana

La tavola, dipinta per l’altare del capolavoro di Michelozzo annesso alla Santissima Annunziata e oggi conservata alla National Gallery di Londra, è stata riprodotta su carta-cotone. Architettura e arredi dell’Oratorio sono stati oggetto di un restauro complessivo sostenuto dalla Famiglia Pucci e dai Friends of Florence

Gli amici filosofi | Laura Lombardi

Gli amici filosofi | Laura Lombardi