Image

Un sopralluogo tecnico in un sito archeologico marocchino

Image

Un sopralluogo tecnico in un sito archeologico marocchino

Come si diventa restauratori a Casablanca

Primo corso in conservazione e restauro del patrimonio nella città marocchina

Simona Sajeva

Leggi i suoi articoli

L’Académie des Arts Traditionnels ha dato avvio al primo corso in conservazione e restauro del patrimonio. Fondata nel 2012 per volontà del re Mohammed VI, l’Académie, parte della Fondazione della Moschea Hassan II, è una piattaforma per la formazione di artigiani d’eccellenza, guidata dal direttore Khalil Mouallif e dal vicedirettore della formazione e della ricerca Abdessamad Haddadi.

Sono loro che, con la consulenza di Roch Payet, direttore emerito del dipartimento dei restauratori dell’Institut National du Patrimoine di Parigi, hanno formulato il corso, coinvolgendo esperti del settore a livello nazionale e internazionale.

Per il momento il concorso è aperto ai diplomati nelle specialità gesso, legno policromo e scolpito, specialità legate alle superfici decorate dell’architettura tradizionale. L’intento è dotare i professionisti selezionati, già abili artigiani, delle competenze del restauratore, per permettere interventi maggiormente critici nei riguardi dell’esistente.

Come membro del corpo docente, trovo incoraggiante anche il modo in cui è stato accolto lo studio congiunto delle interazioni tra decorazioni architettoniche e strutture, per affrontare la manutenzione delle superfici decorate dell’architettura in modo connesso al contesto, l’edifico. Una direzione dalla quale un corso nato oggi non può prescindere.

Un sopralluogo tecnico in un sito archeologico marocchino

Simona Sajeva, 26 aprile 2019 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

A Parigi una conferenza sulla professione, codificata nel 1984, ma oggi

Nella divulgazione in tema di conservazione non si contano le rappresentazioni stereotipate per genere. È la strada giusta?

Dopo anni di battaglie legali vinte e un restauro, torna accessibile alle visite la fantasmagorica dimora di Thierry Ehrmann, artista, ideatore di Artprice. È uno dei luoghi più visitati di Francia

L’associazione Labina lavora a una ricostruzione che utilizza i materiali locali e rispetta l’ecologia, il patrimonio rurale, la cultura e l’identità locale, ma ricorre anche all’ingegneria moderna

Come si diventa restauratori a Casablanca | Simona Sajeva

Come si diventa restauratori a Casablanca | Simona Sajeva