Image

Foto © Micaela Deiana

Image

Foto © Micaela Deiana

Basilea, il termometro del mercato

Apre oggi la 47ma edizione di Art Basel: oltre 4mila artisti in 287 gallerie da tutto il mondo

Micaela Deiana

Leggi i suoi articoli

Basilea (Svizzera). Terminata la preview, si aprono oggi al grande pubblico le porte della 47a edizione di Art Basel, con numeri che confermano l’eccellenza dell’appuntamento, con 286 gallerie che espongono il lavoro di oltre 4mila artisti. Attraverso l’esplorazione delle otto sezioni che compongono la fiera è possibile avere un termometro dello stato del mercato mondiale, dalle gallerie più established alle nuove emergenti.
La sezione principale rimane la corposa Galleries, a cui si aggiungono nella hall centrale Feature, dedicata a progetti monografici a cura degli stessi galleristi, e Statements, più specificatamente focalizzata sugli artisti emergenti, che concorrono per il Baloise Art Prize; con Editions, invece, l’attenzione si sposta sulle stampe e le piccole edizioni.
Parallele, l’immancabile sezione Unlimited, dedicata ai lavori «fuori scala», che per il quinto anno consecutivo è curata da Gianni Jetzer, e Parcours, un percorso nel centro storico della città di Basilea, che, sotto la guida del curatore Samuel Leuenberger, offre la fruizione di 19 progetti site specific.
Infine, per chi non intende rinunciare a momenti di approfondimento, Film, a cura di Maxa Zoller, che raccoglie film realizzati da artisti e film sugli artisti, e Conversations e salon, che propongono un ricchissimo programma di talk e panel.

I dettagli di tutti gli eventi e dei protagonisti sono consultabili sul sito della fiera (www.artbasel.com/basel). Intanto, eccovi una piccola photogallery di Galleries, Statements and Feature.

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Foto © Micaela Deiana

Micaela Deiana, 16 giugno 2016 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Si distinguono i Paesi del Sud globale, che davanti alle incertezze geopolitiche e alle tensioni irrisolte della colonizzazione e dello sfruttamento cercano un’identità nella natura e nei luoghi che storicamente hanno ospitato la vita delle comunità. Un ritorno alle radici che spesso guarda al sacro 

Il progetto di Massimo Bartolini è un continuum tra interno ed esterno ed è la musica ad accompagnare il visitatore. Gli spazi all’Arsenale, sulle onde di un ipnotico mantra, sono il luogo della temperanza e di un’esperienza spirituale in cui connettersi a sé stessi e, quindi, alla moltitudine

Manal AlDowayan (1973) rappresenta il suo Paese con una mostra firmata da tre curatrici, Jessica Cerasi, Maya El Khalil e Shadin AlBulaihed, realizzata con le voci di settecento donne

La seconda edizione della mostra in Arabia Saudita coinvolge 100 autori del Golfo e dell’Asia orientale in equilibrio fra concettuale e sensorialità, per riflettere su ecologia e condivisione

Basilea, il termometro del mercato | Micaela Deiana

Basilea, il termometro del mercato | Micaela Deiana