Image

Georgina Hilton guida la vendita serale di Christie’s del XXI secolo il 14 maggio a New York

Cortesia di Christie's Images Ltd.

Image

Georgina Hilton guida la vendita serale di Christie’s del XXI secolo il 14 maggio a New York

Cortesia di Christie's Images Ltd.

Christie’s realizza a New York 94,6 milioni di dollari con l’arte contemporanea

Risultati importanti per Félix González-Torres e Jean-Michel Basquiat hanno risollevato la collezione De la Cruz e la «doppietta» del XXI secolo

Tim Schneider

Leggi i suoi articoli

Christie’s ha dimostrato un’enorme capacità di recupero nella doppietta di vendite serali altalenanti tenutesi a New York martedì sera (14 maggio). Sebbene una grande delusione abbia gettato una lunga ombra sulle cifre finali, ci sono stati comunque alcuni motivi di ottimismo e di orgoglio nel corso della serata. La prima è stata un’asta dedicata a 26 opere della collezione della defunta collezionista di Miami Rosa De la Cruz e di suo marito Carlos. Sebbene Christie’s si sia assicurata un centinaio di pezzi in tutto, la maggior parte sarà suddivisa in varie vendite nel corso del 2024. La seconda componente è stata la vendita serale del XXI secolo, l’ultima offerta di opere realizzate in gran parte tra gli anni ’80 e i giorni nostri. Insieme, le due vendite hanno fruttato un totale di 94,6 milioni di dollari (114,7 milioni di dollari diritti compresi), a fronte di un obiettivo prevendita compreso tra 130,6 e 192,9 milioni di dollari (calcolato senza diritti). Sei dei 61 lotti sono stati ritirati, eliminando almeno 34,7 milioni di dollari dai potenziali ricavi di vendita di Christie’s basati sulle basse stime. Eppure, contando i sei ritiri, il tasso di sell-through della serata è stato del 90% in termini di volume.

Le offerte sono state vivaci per tutta la durata del «double-header», tanto più che molti operatori del settore si aspettavano che le offerte per De la Cruz sarebbero state inferiori alle aspettative, in base all’umore del mercato e alle voci secondo cui molti degli artisti presenti nelle collezioni della defunta collezionista sarebbero passati di moda. Anche se fosse così, tuttavia, sembra che gli specialisti di Christie’s abbiano fatto un ottimo lavoro nel leggere la nuova temperatura del mercato e nel fissare le stime di conseguenza. Ad incombere su entrambe le vendite è stato il «cyberattacco»: ufficialmente Christie’s lo ha definito un «problema di sicurezza tecnologica» o semplicemente un «incidente», perpetrato contro la società il 9 maggio. Il giorno successivo, la solida offerta digitale di Christie’s è stata sostituita da un front end temporaneo con i cataloghi digitali delle imminenti vendite della settimana di punta sia a New York che a Ginevra. La casa d’aste e i suoi dirigenti hanno mantenuto un riserbo pubblico sui dettagli dell’incidente, sulle sue conseguenze e sulla reazione interna tra il momento in cui si è verificato e il momento in cui Georgina Hilton, la banditrice di martedì sera, è salita sul palco per iniziare la vendita della collezione De la Cruz. Tuttavia, il benvenuto della Hilton ai collezionisti che si sono registrati su Christie’s Live, l’apparato di offerte online della casa d’aste, ha chiarito che la competizione online avrebbe fatto parte della serata. Pochi istanti dopo, sono iniziati i festeggiamenti.

 

 

«Untitled (Serie mujer de arena / Sandwoman Series)» (1983) di Ana Mendieta. Cortesia di Christie’s Images Ltd.

La collezione De la Cruz in ascesa

Le offerte per la collezione De la Cruz di martedì sera ci hanno ricordato perché le migliori case d’asta si contendono con tanto accanimento il diritto di vendere le grandi collezioni di un unico proprietario: a volte lo sforzo paga, anche quando l’umore generale del mercato è «teso». Il totale dell’asta è stato di 28,1 milioni di dollari (34,4 milioni di dollari diritti compresi), all’interno della fascia di stima pre-asta di 25,8-37,9 milioni di dollari (calcolata senza diritti). Solo un lotto è stato ritirato: una tela senza titolo del 1992 di Martin Kippenberger, per la quale si prevedevano 2-3 milioni di dollari. Tutti i 25 lotti rimanenti hanno trovato acquirenti, e 21 sono stati aggiudicati entro o al di sopra del loro target. L’intera selezione per la vendita serale aveva una garanzia della casa, e Christie’s si è assicurata garanzie di terzi per 17 lotti (17 in più di quelli che la casa aveva in catalogo prima di pubblicare il catalogo digitale della vendita). Complessivamente, la stima bassa aggregata delle opere con garanzie esterne è stata di 16,6 milioni di dollari, ovvero quasi due terzi dell’aspettativa bassa pre-vendita. Christie’s ha stabilito i record d’asta per due artisti nell’asta De la Cruz: Ana Mendieta (il cui record era stato stabilito una volta e poi superato nella stessa vendita) e Félix González-Torres. 

La scultura a terra di Mendieta del 1983, «Untitled (Serie mujer de arena / Sandwoman Series)», è stata aggiudicata per 450mila dollari (567mila dollari con le commissioni), appena al di sotto della stima massima di 500mila dollari. L'installazione di lampadine «Untitled (America #3)» di González-Torres, del 1992, è stata battuta a 11,5 milioni di dollari (13,6 milioni di dollari con spese), anch'essa di poco inferiore all'obiettivo massimo di 12 milioni di dollari. Julian Ehrlich di Christie’s, che era lo specialista principale della vendita serale di De la Cruz, ha dichiarato dopo la conclusione dell’asta che l'opera è stata acquistata dal Pola Museum of Art di Hakone, in Giappone. L'installazione di González-Torres è stata la più venduta della vendita serale di De la Cruz. Si tratta di uno dei cinque lotti che hanno visto cadere il martelletto per più di 1 milione di dollari. Il secondo classificato è stato «Rainbow Wheel» (1999) di Peter Doig, che ha realizzato 3,3 milioni di dollari (4 milioni di dollari con i diritti); ironia della sorte, è stato uno dei soli quattro lotti della vendita a essere scambiato al di sotto della sua stima minima (in questo caso, 5 milioni di dollari). Altri tre lotti hanno visto cadere il martelletto per più di 1 milione di dollari; si trattava di dipinti di Mark Grotjahn, Albert Oehlen e ancora Doig. In uno spettacolo di simmetria, l'ultimo lotto della vendita De la Cruz è stato anche «l'ultima opera che Rosa ha acquistato per la sua collezione» prima della sua morte, ha detto Hilton dal podio. Si trattava di una vibrante scena di paesaggio di Shara Hughes, 43 anni, protagonista dell’asta, intitolata «No Way Out» (2023). Il martello di Hilton l'ha battuta a 450mila dollari, appena al di sopra della stima minima di 400mila dollari; il prezzo finale è stato di 567mila dollari diritti inclusi.

 

«Untitled (America #3)» (1992) di Félix González-Torres. Cortesia di Christie's Images Ltd.

Vendita del XXI secolo senza la sua star del XX secolo

Martedì sera, nella sala vendite del Rockefeller Center di Christie's, ci sono stati due momenti che hanno suscitato un sussulto. Il primo è avvenuto durante l’asta di De la Cruz, quando l’azienda ha abbassato le luci per permettere all'opera «Untitled (America #3)» di González-Torres di brillare prima che la Hilton aprisse l’asta per il pezzo. La seconda è stata quando ha annunciato, nel preambolo della vendita del XXI secolo, che «Event» (2004-07) di Brice Marden era stato ritirato; il monumentale dittico astratto era entrato con la stima più alta della serata, tra i 30 e i 50 milioni di dollari, oltre che con una garanzia finanziaria da parte di Christie’s. Con il Marden è stata ritirata ogni realistica speranza che la parte della serata dedicata al XXI secolo potesse soddisfare, per non parlare di superare, le aspettative di Christie’s prima della vendita. L’evento ha rappresentato da solo circa un terzo della stima totale dell’asta. Il potenziale di altri 2,7-4 milioni di dollari è svanito quando due opere di Nicolas Party e Robert Mangold si sono aggiunte al Marden nella coda di ritiro. Un paio di lotti superati hanno ampliato il vuoto. «Mont Sainte-Victoire #1», una tela di Mark Tansey del 1987 che avrebbe dovuto fruttare fino a 12 milioni di dollari, si è invece fermata a 7,2 milioni di dollari, mentre un dipinto figurativo di Sanya Kantarovsky del 2013 si è fermato a 95mila dollari, ben al di sotto dell'obiettivo di 120mila dollari. 

Alla fine, la vendita del XXI secolo ha generato un totale al martello di 66,5 milioni di dollari (80,3 milioni di dollari con i diritti) a fronte di una stima pre-asta compresa tra 104,1 e 155 milioni di dollari. L'edizione di quest'anno dell’asta è stata anche inferiore all’offerta equivalente del maggio 2023, quando Christie’s ha realizzato 83,6 milioni di dollari (98,8 milioni di dollari con i diritti) con 27 lotti, otto in meno rispetto a quelli inizialmente previsti per l’evento di stasera. Alla domanda se la scelta di ritirare l'opera di Marden sia stata presa da Christie’s o dal mittente, Alex Rotter, presidente del dipartimento di arte del XX e XXI secolo, ha risposto che «abbiamo preso questa decisione consapevole, perché non era la serata di Brice e... non volevamo mettere a rischio il suo mercato», aggiungendo: «Dobbiamo proteggere i nostri beni. Dobbiamo proteggere il valore di qualcosa in cui crediamo». Ha dichiarato inoltre che Christie’s aspetterà a reintrodurre il dipinto sul mercato «finché il valore non sarà corretto».

 

«The Italian Version of Popeye has no Pork in his Diet» (1982) di Jean-Michel Basquiat. Cortesia di Christie's Images Ltd.

Il paradosso della serata è stato che la stragrande maggioranza delle opere effettivamente offerte nella vendita del XXI secolo ha riscosso un successo consistente, con offerte in media molto più vivaci rispetto alle aste The Now and Contemporary della rivale Sotheby’s della sera precedente. Dei 32 lotti effettivi, 24 hanno ottenuto un’offerta vincente all'interno o al di sopra delle rispettive fasce di stima. Solo sei sono passati di mano per un prezzo inferiore alla loro stima minima. Ognuno dei tre lotti più costosi della vendita è stato venduto con un’offerta pari o inferiore alla sua stima minima. «The Italian Version of Popeye has no Pork in his Diet» di Jean-Michel Basquiat, un dipinto a barre esposte del 1982, il suo anno più ricercato, è stato aggiudicato per 27,5 milioni di dollari (32 milioni di dollari con i diritti) a fronte di una stima compresa tra 30 e 40 milioni di dollari. Il secondo e il terzo posto tra i dipinti più venduti sono stati realizzati da Julie Mehretu. La sua tela del 2018, «Mumbaphilia (J.E.)», è stata aggiudicata a 4,8 milioni di dollari (5,9 milioni di dollari con i diritti), appena al di sotto della stima inferiore di 5 milioni di dollari, mentre il suo dipinto del 2013, «Fever graph (algorithm for serendipity)», è stato battuto a 4 milioni di dollari.

A differenza dell’apertura di De la Cruz, le garanzie sono state rare nella parte della serata dedicata al XXI secolo. Solo un lotto (a parte il Marden ritirato) aveva una garanzia della casa: una tela di Jonas Wood di grandi dimensioni che si prevedeva venisse venduta a 2,2-2,8 milioni di dollari; è stata battuta a 1,4 milioni di dollari, o 1,7 milioni di dollari con i diritti. Quattro lotti erano sostenuti da terzi, e la stima bassa combinata del quartetto ammontava a un modesto 10,4 milioni di dollari. Ciò significa che i risultati sono stati in gran parte il prodotto di offerte organiche e notturne. Almeno due lotti sono stati aggiudicati ad offerenti online: «(Portrait of) Hercules with his head in his hand» (2023) di Vojtěch Kovařík, che ha battuto per 75mila dollari (94.500 dollari con le commissioni), poche offerte al di sopra del suo obiettivo massimo di 60mila dollari; e il «Bruise Painting "U.S. Blue”» (2021) di Rashid Johnson, la cui offerta vincente è arrivata proprio alla sua stima massima di 1,2 milioni di dollari (raggiungendo 1,5 milioni di dollari con i diritti). Queste offerte vincenti via internet hanno creato un passaggio naturale a un importante post scriptum delle aste.

 

«Mumbaphilia (J.E.)» (2018) di Julie Mehretu. Cortesia di Christie's Images Ltd.

L'incidente

In una conferenza stampa post-vendita, l'amministratore delegato di Christie's Guillaume Cerutti ha definito i risultati della vendita del XXI secolo «molto solidi, date le circostanze». Le circostanze in questione avevano a che fare con il cyberattacco di cui si era parlato così poco al pubblico o alla stampa nei cinque giorni precedenti. Cerutti ha fatto qualche passo per cambiare questa situazione. «Non ricordo una settimana più impegnativa di questa», ha detto alla stampa riunita. «Non perché dovevamo fare queste vendite: è quello che facciamo, è il nostro lavoro». Invece, le difficoltà sono derivate da quello che ha ripetutamente definito solo «l'incidente di sicurezza» e, in seguito, semplicemente «l'incidente». «Quando succede una cosa del genere, bisogna reagire molto rapidamente. È quello che abbiamo fatto. Altrimenti non saremmo stati in grado di continuare quello che abbiamo fatto questa settimana», ha detto Cerutti. Ha aggiunto che «abbiamo deciso noi stessi» di chiudere il sito web di Christie come «misura di sicurezza». Ha anche confermato che la società è stata in grado di riattivare Christie's Live per i suoi clienti in tempo per la vendita «attraverso i link che abbiamo inviato loro», anche se non ha approfondito. «In queste circostanze, la comunicazione è fondamentale. Bisogna essere molto misurati nel modo in cui si comunica», ha detto. «Le parole che si scelgono, le informazioni che si danno, tutto deve essere fatto passo dopo passo per assicurarsi di riprendersi dall’incidente, per riconquistare la fiducia dei clienti».

«Mi scuso per non poter dire di più», ha detto Cerutti, aggiungendo che lui e l’azienda stavano seguendo i consigli dei «migliori specialisti interni ed esterni». Ha sottolineato il punto dicendo dell'approccio della casa all’incidente: «Non è opacità. È strategia». Anticipando l’ovvia domanda, Cerutti ha aggiunto che «nessuno» dei lotti ritirati durante la serata era «legato all’incidente», poiché Christie’s aveva convinto i suoi clienti «che saremmo stati in grado di consegnarli». Ha espresso sollievo e, ancor più, orgoglio per come l’azienda ha risposto al tumulto, dal personale informatico agli specialisti. «Stasera è stata una prestazione forte», ha detto. «Il meglio deve ancora venire questa settimana». Christie’s organizzerà la sua vendita serale del XX secolo giovedì. Prima, però, Sotheby’s continua l’offerta della settimana con la vendita serale di opere moderne di mercoledì.

 

Tim Schneider, 16 maggio 2024 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Il mercato odierno è costituito da dinamiche estremamente complesse, è difficile da descrivere e ancora più difficile da decifrare. La diversità di prospettive all’interno del collezionismo, il lavoro sempre maggiore dietro molte vendite, il crollo di risultati d’asta di alcuni giovani artisti, la sparizione di molti speculatori dopo il boom post-Covid, l’effetto liste d’attesa e la volontà di capitalizzare di numerosi collezionisti agevolano le gallerie, ma rendono più difficile il compito di trarre dalle vendite delle principali fiere le conclusioni generali che gli osservatori desiderano

Le numerose vendite e i record di più artisti compensano la scarsa domanda per i lotti principali

La maggior parte dei galleristi, soprattutto statunitensi, sostengono che la fiera Art Basel a Miami Beach è una destinazione imperdibile

L’anteprima VIP della fiera, la prima della Miami Art Week, ha portato a risultati notevoli tra i galleristi

Christie’s realizza a New York 94,6 milioni di dollari con l’arte contemporanea | Tim Schneider

Christie’s realizza a New York 94,6 milioni di dollari con l’arte contemporanea | Tim Schneider