Weekend d'autunno | Doppio Wildt a Roma

Itinerari d'autore per visite veloci senza assembramenti nei fine settimana del Covid

Marco Riccòmini |  | ROMA

Mi sono informato, c’è un volo che parte alle otto e cinquanta... ma quest’anno, visto come vanno le cose, mi sa che rinunceremo al Nord dell’India. E allora? Allora occorrerà fare di necessità virtù e trovare l’esotico nel familiare, nel rispetto del «distanziamento sociale», alla ricerca di angoli del Bel Paese che ci facciano ricordare il brivido della scoperta, ma in «sicurezza».

Roma? In tempi di Covid, ma stiamo scherzando? Però, senza mettere piede all’interno di alcunché, possiamo godere di due eccezionali teste in marmo levigato di Adolfo Wildt dall’atrio della Casa Madre dei Mutilati ed Invalidi di Guerra di Marcello Piacentini (1925-28), che affaccia su Castel Sant’Angelo.

Sono i ritratti di Fulcieri Paulucci di Calboli, medaglia d’oro al valor militare nella Grande Guerra, e di Giulio Giordani, medaglia d’argento, assassinato nella cosiddetta «Strage di Palazzo d’Accursio» a Bologna. Alle spalle è piazza Cavour, a un passo da Cesare, per una cacio e pepe.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Marco Riccòmini
Altri articoli in LUOGHI