Voglio restare otto anni: non di meno, non di più

Parla Peter Aufreiter, austriaco, alla guida di Palazzo Ducale: «Voglio l’equilibrio tra il palazzo storico e un moderno museo didattico e multimediale. Iniziamo con una nuova illuminazione»

Stefano Miliani |  | Urbino (Pu)

Vuole un Palazzo Ducale «didattico» che racconti anche ai ragazzi perché i duchi di Montefeltro lo hanno voluto così, che illustri chi erano Piero della Francesca e Raffaello. Dalla plancia di comando di Urbino l’austriaco Peter Aufreiter intende ridisegnare la Galleria Nazionale delle Marche affinché parli «al 98% dei visitatori più che al 2% che sa già».

Il suo concittadino Peter Assmann, direttore di Palazzo Ducale a Mantova, è stato l’unico straniero sospeso, prima di essere reintegrato. Però la sentenza del Tar come principio ha messo in discussione tutti voi sette direttori non italiani.
Il Tar ha agito secondo la legge ma la legge europea non ha più valore? È assurdo dire «no» a qualcuno solo perché straniero. Ricordo che sono controllato, l’autonomia è parziale, devo chiedere permesso a tanti. Ma un esterno come me ha il grande vantaggio di vedere Urbino con occhi neutrali. I
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Miliani