Vicenza, i gioielli d'ambra della principessa pugliese

Affresco con fanciulle danzanti inizio IV secolo a.C, Napoli, Museo Archeologico Nazionale
Veronica Rodenigo |

Vicenza. A Palazzo Leoni Montanari una nuova tappa arricchisce la rassegna «Il Tempo dell’Antico. Ceramiche attiche e magnogreche dalla collezione Intesa Sanpaolo», giunta quest’anno al quarto appuntamento. Con «Le ambre della principessa. Storie e archeologia dall’antica terra di Puglia» (dal 4 febbraio al 7 gennaio 2018, a cura di Federica Giacobello) ancora una volta la sede museale del gruppo bancario, rientrante nel circuito delle Gallerie d’Italia, offre un focus di approfondimento sulla copiosa collezione Caputi (oltre 500 ceramiche magnogreche conservate nei depositi del palazzo vicentino) aggiungendovi però un elemento di novità. Alla selezione di ceramiche rinvenute nelle antiche sepolture di Ruvo di Puglia (VI-III secolo a.C.) verrà ad affiancarsi difatti quella di manufatti provenienti dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli, sempre riconducibili al contesto apulo.
È
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Veronica Rodenigo
Altri articoli in IMPRESE