VIAGGI PER L'ESTATE | L'arte dopo la spiaggia in Costa azzurra e Provenza

Uno dei territori del pianeta con la più ampia offerta di divagazioni culturali per bagnanti curiosi e intellettuali rilassati

Gli studi cinematografici La Victorine di NIzza che festeggiano i 100 anni
Sergio Pace |  | Nizza

Una delle meraviglie della Costa Azzurra è l’impossibilità di definirne i confini. Per colui che coniò il termine, lo scrittore digionese Stéphen Liégard nel 1887, si trattava di un arco di costa assai ampio, da Mentone fin quasi alla foce del Rodano. In qualunque modo la si voglia intendere, questo lembo di Francia è da oltre un secolo e mezzo uno dei territori più fertili per tutte le arti: città, architetture, gallerie, musei, siti archeologici permettono ai villeggianti d’ogni parte del mondo di dedicarsi con ugual costanza a bagni di mare e/o di sole ma anche a escursioni culturali di ottima, talvolta straordinaria qualità. Le amministrazioni locali conoscono bene tali potenzialità e, quindi, tutte le estati tentano di allestire una programmazione culturale attraente per bagnanti curiosi, così come per intellettuali rilassati. D’altronde, almeno sulla Costa Azzurra, si dà spesso il
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Sergio Pace
Altri articoli in OPINIONI