Venezia, Philip Guston alle Gallerie dell'Accademia

Philip Guston, Rome, 1960. Foto credit: Virginia Dortch
Stefano Luppi |

Venezia. Per la prima volta le Gallerie dell'Accademia espongono il lavoro di un artista americano contemporaneo, Philip Guston (1913-1980), visibile dal  prossimo 10 maggio al 3 settembre.
La mostra, intitolata «Philip Guston and the poets», è una disamina, attraverso una cinquantina di dipinti e 25 disegni, dell’intera carriera dell’artista, messa in parallelo con il lavoro dei poeti D.H Lawrence, W.B. Yeats, Wallace Stevens, Eugenio Montale e T.S Eliot.

La rassegna, curata da Kosme de Barañano, si preannuncia essere una riflessione sulle modalità con cui l’artista americano entrava in relazione con le sue fonti di ispirazione letteraria, tracciando quindi un utile percorso che affronta  temi umanistici, quali il linguaggio e la prosa sulla carta e sulla superficie bidimensionale.
L’artista del resto amava particolarmente Venezia tanto che in una lettera del 1975 all’amico Bill Berkson la
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata Philip Guston,«Position I», 1965, collezione privata © The Estate of Philip Guston Courtesy Hauser & Wirth
Altri articoli di Stefano Luppi