Uno scugnizzo tra gli dèi

Nel catalogo Wannenes del 3 dicembre scene mitologiche e un «Ragazzo» di Gemito

«Giuditta con la testa di Oloferne» di Paolo Gerolamo Piola (particolare). © Wannenes
Cristina Valota |  | Genova

Finzione, realtà virtuale ante litteram, creature mutanti, violenza: temi che contrassegnarono il Barocco e che spiegano l’attrazione di molti artisti d’oggi per quel periodo, in omaggio al quale il quotatissimo Luc Tuymans si è tramutato pochi mesi fa in curatore per una mostra alla Fondazione Prada.

Di sangue ne scorre in abbondanza nella decapitazione del gigante Oloferne da parte di Giuditta. Un soggetto che non aveva perso la sua attrattiva anche a cavallo tra Sei e Settecento, quando il genovese Paolo Gerolamo Piola ne offre l’interpretazione (10-15mila euro), nel catalogo dell’asta del 3 dicembre che Wannenes dedica ai «Dipinti antichi e del XIX secolo».

Al periodo romano di Sebastiano Ricci, negli anni ’90 del Seicento, è datato «Apollo e Dafne» (5-8mila). Si dice Apollo e Dafne e si pensa a Bernini, e nel dipinto di Ricci è evidente l’influenza del Gaulli, berniniano di formazione
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Cristina Valota