Una sauna del 1534 a Città di Castello

La restaurata «stufetta» dipinta della Pinacoteca Comunale è ora nel percorso museale

La «stufa» di Palazzo Vitelli alla Cannoniera a Città di Castello
Stefano Miliani |  | Città di Castello (Pg)

Nella sua Vita di Cristofano Gherardi detto Doceno Giorgio Vasari annotò che, dietro le sue indicazioni, il pittore di Borgo San Sepolcro e altri decorarono una «stufa» nel cinquecentesco Palazzo Vitelli alla Cannoniera, ora sede della Pinacoteca Comunale di Città di Castello. È uno scrigno per acque calde che oggi paragoneremmo a una sauna o a una spa: viene datato al 1534 ed è decorato con scene mitologiche, grottesche e candelabre (nella foto).

Luogo di piacere e simbolo di modernità, dopo tre mesi di pulitura e restauro la «stufetta» ha aperto al pubblico e il Comune l’ha inserita nel percorso del museo. Il merito del recupero va innanzi tutto alla presidente del Rotary Club locale Silvia Mercati, in carica fino allo scorso giugno: una volta saputo che questo gioiello era chiuso (le pitture erano state consolidate e messe in sicurezza nel 1983), come Rotary ha finanziato l’intervento seguito
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Miliani