Una città incline all'arte contemporanea

Federico Florian |  | Torino

Per la prima volta nella storia di Artissima, la sezione «In mostra», vetrina per i musei e le collezioni piemontesi, assume la conformazione di una vera e propria esposizione collettiva che raccoglie le opere di 31 artisti, tra i quali Alis/Filliol, Lupo Borgonovo, James Lee Byars, Elmgreen&Dragset, Urs Fischer, Carol Rama e Lawrence Weiner. Il curatore Stefano Collicelli Cagol descrive il progetto.

Perché ha deciso di chiamare la mostra «Inclinazioni»?

L’esposizione esplora il tema dell’inclinazione nelle sue diverse accezioni, per esempio personale, artistica, sessuale e politica, e nei suoi rimandi alle scienze (il clinamen e i suoi echi nelle scoperte della fisica del XX secolo) e alla filosofia. In particolare, come suggerito da Adriana Cavarero nel suo libro omonimo, da cui la mostra prende liberamente ispirazione, la postura inclinata rimanda al mutuo riconoscimento di una condizione di
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Federico Florian