Una «body performance» all'Helmut Newton Stiftung

Il consueto, immancabile voyeurismo è attratto da un corpo umano al centro della narrazione

Helmut Newton, «Ballet de Monte Carlo». © Helmut Newton Estate
Francesca Petretto |  | Berlino

Dal 29 novembre all’Helmut Newton Stiftung Berlin-Museum für Fotografie si tiene la mostra «Body Performance» (fino al 20 maggio) con opere di dodici artisti di fama internazionale tra cui naturalmente il padrone di casa.

Il corpo umano è al centro della narrazione: ritratto da Newton e dagli altri 11 di questa collettiva si rivolge, esibendosi come in una stramba performance di danza oltre il palco, a un pubblico che lo ricambia con il consueto, immancabile voyeurismo.

Qual è la performance del corpo ritratto da Vanessa Beecroft, Yang Fudong, Inez & Vinoodh, Jürgen Klauke, Robert Longo, Robert Mapplethorpe, Helmut Newton, Barbara Probst, Viviane Sassen e Bernd Uhlig ed Erwin Wurm?

L’idea della curatela parte da una serie relativamente poco nota di Newton, realizzata nei pieni anni ’80, quando si recò a Montecarlo per fotografare il Balletto di stato monegasco; ma invece che su un palcoscenico
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Francesca Petretto
Altri articoli in MOSTRE