Un viaggio nei siti della Turchia

Alcuni luoghi sono famosissimi, altri sconosciuti e comunque riservati a pochi e selezionati viaggiatori

Giuseppe Mancini |

I viaggi nella Turchia antica di Jacques Des Courtils, Sébastien de Courtois e Ferrante Ferranti non hanno prodotto né una guida, né comunque un compendio esaustivo di siti archeologici nella penisola anatolica, già Asia minore. L’archeologo, lo scrittore (tutti e due anche protagonisti della diplomazia culturale francese a Istanbul) e il fotografo presentano invece in questo pregevole ed elegante volume di grande formato una selezione piuttosto eterogenea: Pergamo, Smyrna, Efeso, Didyma, Mileto, Cnidos, Xanthos, Afrodisia, Hierapolis.

Sono siti alcuni famosissimi, riconosciuti dall’Unesco come patrimonio dell’umanità e mete del turismo di massa, altri sconosciuti e comunque riservati a pochi e selezionati viaggiatori. Hanno quasi tutti in comune l’appartenenza geografica alla costa egea, alla Ionia; e l’epoca storica a cui appartengono la maggior parte delle rovine emerse, quella romana, che
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Giuseppe Mancini