Un sacrificio d’amore

Arianna Antoniutti |  | Mosca

Fino al 19 febbraio 2017 la Galleria Tretjakov ospita 42 dipinti appartenenti alla collezione permanente dalla Pinacoteca dei Musei Vaticani

«Angelo che suona il liuto» (1480) di Melozzo da Forlì

Si tratta di un prestito eccezionale che, come dichiara Antonio Paolucci, «ha spogliato la Pinacoteca Vaticana di alcuni dei suoi pezzi più celebri ma il sacrificio, che pure è stato grande, ha avuto per noi il significato di un atto di gratitudine nei confronti dell’antico amore della Russia per Roma Aeterna».

È difatti «Roma Aeterna. Capolavori dalla Pinacoteca Vaticana. Bellini, Raffaello, Caravaggio» il titolo della mostra, concepita nel 2013 a seguito dell’incontro tra il presidente della Federazione delle Repubbliche russe Vladimir Putin e il papa Francesco I. In quell’occasione è sorto un progetto di collaborazione che prospetta, nel 2017, una mostra in Vaticano con opere dalla collezione di arte russa della Tretyakov.

La rassegna moscovita, apertasi non
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Arianna Antoniutti