Un museo virtuale da 300mila opere: nel MuVir le collezioni d'arte delle banche italiane

Una simulazione del MuVir, Museo virtuale delle Banche Italiane
Federico Castelli Gattinara |

Roma. È stato presentato oggi nella sede dell’Associazione Bancaria Italiana (Abi) di Palazzo Altieri il MuVir, ovvero il museo virtuale delle collezioni delle banche in Italia, che raccoglierà oltre 300mila opere d’arte tra dipinti, sculture, arazzi, ceramiche e molto altro quasi sempre invisibili, mettendole a disposizione della collettività.

Un progetto importante, sulla scia dei banchieri-umanisti dei secoli scorsi, che sottolinea il virtuoso contributo degli istituti di risparmio e di credito alla tutela, conservazione, conoscenza e divulgazione del nostro patrimonio culturale, soprattutto nei decenni passati, come ricorda il direttore dei Musei Vaticani Antonio Paolucci: «Negli anni Ottanta e Novanta del secolo scorso le altre grandi nazioni europee come la Francia e la Germania ci invidiavano la rete diffusa dei nostri istituti bancari legati al territorio e fortemente autonomi, che
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Federico Castelli Gattinara