Tutto parte dall’analisi dei rischi

Veronica Rodenigo |  | Torino

Daniele Jalla, membro dell’Executive Council dell’International Council of Museums (Icom) e presidente di Icom Italia, è stato dirigente del Settore Musei della Città di Torino e ha fatto parte del gruppo tecnico per la redazione dell’Atto di indirizzo sui criteri tecnico scientifici e sugli standard di funzionamento e sviluppo dei musei contenuto nel Decreto Ministeriale del 10 maggio 2001. 

Dottor Jalla, secondo gli standard di sicurezza, che cosa non deve assolutamente mancare in un museo?

L’analisi dei rischi. È una procedura consolidata: ve ne sono tracce già nell’Atto d’indirizzo del 2001 che comporta un approccio globale alla questione. Accanto a essa vi sono altri due elementi determinanti: le dotazioni tecniche e l’organizzazione umana. Delle prime sono grosso modo dotati tutti i musei: vanno dal semplice allarme antincendio e antifurto agli impianti più sofisticati nei musei medio-grandi. Questi
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Veronica Rodenigo