Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Trentino Alto Adige | Rapporto 2019 sulla cultura

La regione può contare su un patrimonio artistico e culturale di grande qualità. Da sempre è la cerniera tra l’Europa del Nord e il mondo mediterraneo

Il Castello del Buonconsiglio a Trento. © Jakub Halun - CC BY SA 4.0

Trento e il Trentino non sono solo un luogo di luoghi: sono frammenti di un mosaico che ha l’arte e la cultura nella natura e che ha nella natura forme d’arte che non possono stare in un museo, perché sono musei a cielo aperto.

I grandi artisti e le mille chiese. Rosmini e Degasperi
Certo, questa è la terra di Depero e di Segantini, di Melotti e di tanti grandi artisti di ieri e di oggi, che hanno lasciato un segno capace di resistere al tempo. Ma è anche la terra delle mille chiese e dei tanti castelli che conservano non solo le tracce del passato, ma anche il segno di ciò che è passato di qui, in secoli solo all’apparenza lontani. È la terra del filosofo Rosmini e dello statista Degasperi, che a me piace citare col suo vero cognome, anche se per l’Italia, quasi per assegnargli una nobiltà di cui non aveva certo bisogno per essere il costruttore e il ricostruttore dell’Italia e dell’Europa, è ormai De Gasperi.

Un po’ Italia, un po’ Impero Austro-Ungarico
Se si mettono insieme i nomi e i luoghi si capisce perché in un grande teatro che ha nelle Dolomiti un fondale di roccia e di poesia (quest’anno si celebrano fra l’altro i dieci anni delle Dolomiti patrimonio Unesco) e che ha nella storia i tratti di una cerniera, anche culturale, che ha tenuto insieme il mondo del Nord e il mondo del Sud, si sente il respiro della Mitteleuropa. Un po’ Italia e un po’ Impero Austro-Ungarico. Un po’ di qua. Un po’ di là. Con radici in continuo movimento.

Entrare in museo, perdersi in un castello
Solo partendo da questo assunto si può cogliere quanto sia importante fermarsi a Trento per perdersi, letteralmente, nel Castello del Buonconsiglio (simbolo di una Chiesa che nei secoli ha governato anime e uomini e che dell’una e degli altri conserva colpi di pennello, contaminazioni, suggestioni) o per scoprire il futuro.
Si può entrare al Muse, il Museo della Scienza che porta la firma di Renzo Piano, l’architetto che qui ha firmato uno dei più importanti progetti di recupero urbanistico di cui si sia a conoscenza, trasformando i terreni di una fabbrica in un parco. Un luogo nel quale, accanto a case e palazzi, svettano un museo (il Muse, appunto) che è scelto ogni giorno da migliaia di persone che hanno voglia di capire da dove veniamo, toccando per mano ogni cosa, e una libreria universitaria che declina al futuro il concetto di cultura.

Il Duomo, la Strada Granda e le navate di boschi
Ma Trento è anche il Duomo e la Strada Granda (come si chiamava via Belenzani quando venne trasformata per accogliere i cardinali e gli alti prelati attesi al famoso concilio), una via piena di affreschi. L’ennesimo museo a cielo aperto. E giocando con l’apertura del cielo viene in mente subito Arte Sella (appunto a Sella, in Valsugana) dove la natura è stata messa nelle mani di artisti e architetti (non sempre c’è una differenza fra i due concetti) che hanno realizzato negli anni un percorso che è la metafora concreta del rapporto fra l’arte e il bosco, fra la scultura e i sentieri, fra il culto e un’immagine che si fa fortissima, ad esempio, al cospetto della cattedrale naturale trasformata da duomo d’alberi in navate di boschi.

L’Atene del Trentino
Poi c’è Atene, direbbero i roveretani. Perché è così che da sempre chiamano Rovereto: l’Atene del Trentino. Qui è sorto il Mart, il Museo d’Arte Moderna e Contemporanea che sarebbe da visitare anche se non ospitasse mostre di prestigio. Perché l’architetto Mario Botta a Rovereto ha costruito una perla moderna all’interno di uno scrigno settecentesco, fatto dai nobili e antichi palazzi di via Bettini, che all’improvviso si aprono su una astronave piena d’arte: dalle collezioni del Novecento ai percorsi che portano all’oggi, con un occhio che sul Futurismo, che qui ha avuto uno dei suoi padri (Fortunato Depero, come scrivevo sopra), e con uno sguardo su una contemporaneità che a queste latitudini trova lo spazio giusto per esprimersi.

La terra dei festival con le sembianze di una farfalla
C’è poi un’importante Galleria Civica in una terra che è ormai la capitale dei festival: da quello dell’economia al festival del cinema di montagna, passando per quello dello sport, per Oriente Occidente e per appuntamenti che solo chi non li conosce può considerare minori. Poi viene in mente Cesare Battisti, giornalista geografo ma soprattutto politico irredentista: lui, che venne giustiziato proprio ai piedi del Castello del Buonconsiglio, in quella che oggi viene chiamata fossa dei martiri, fu il primo a intuire che il Trentino ha le forme e le sembianze di una farfalla. Il che spiega meglio di ogni altra cosa la leggerezza e la bellezza d’un volo che resta nell’anima di chi lo sfiora.

Alberto Faustini è direttore de «L'Adige» e dell'«Alto Adige»

Alberto Faustini, da Il Giornale dell'Arte numero 399, agosto 2019


Ricerca


GDA ottobre 2019

Vernissage ottobre 2019

Il Giornale delle Mostre online ottobre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012