Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Tra Hayez e Segantini: l'800 ai Musei di San Domenico

La mostra, curata da Fernando Mazzocca e Francesco Leone, espone 170 opere in 10 sezioni

«Ruth», di Francesco Hayez (particolare). Bologna, Collezioni Comunali d'Arte

Forlì. Dal 9 febbraio al 16 giugno i Musei di San Domenico espongono «Ottocento. L’arte dell’Italia tra Hayez e Segantini», curata da Fernando Mazzocca e Francesco Leone.

Con l’obiettivo, precisa il coordinatore Gianfranco Brunelli, di «mettere un punto fermo sull’Ottocento italiano, in cui i due fuochi iniziale e finale, Hayez e Segantini, tracciano i confini simbolici della ricerca di un linguaggio nazionale omogeneo, tra tradizione e innovazione», la mostra si struttura in dieci sezioni.

Fra le 170 opere esposte spiccano, oltre alla ventina di dipinti di Hayez e Segantini acclamati «pittori della Nazione» rispettivamente da Mazzini e D’Annunzio, capolavori inediti o raramente esposti, come un ritratto femminile di Giovanni Boldini del 1900 da poco entrato in collezione privata, il monumentale «Cesare Borgia a Capua (il Valentino)» di Gaetano Previati (1880) o «Lo specchio della vita» di Pellizza da Volpedo (1898).

Allo scopo di restituire un quadro globale del periodo compreso tra Unità d’Italia e Grande Guerra, il catalogo approfondirà anche architettura, illustrazione e arti decorative, mentre l’immersivo percorso espositivo pur concentrandosi su pittura e scultura non tralascerà di esporre il prezioso manto di corte di donna Franca Florio (1910) conservato a Palazzo Pitti.

Di particolare importanza la penultima sezione, dedicata alla fiorentina «Mostra del Ritratto», curata da Ojetti nel 1911. Quell’evento tracciò infatti «un’autobiografia dell’Italia a 50 anni dall’Unità, sottolinea Brunelli. Con un’operazione inedita a Forlì accosteremo a ritratti dei grandi maestri presenti alla mostra del 1911, come Barocci, Tiepolo o Reni, la sperimentazione ad esempio di Balla e Boccioni, non ancora futuristi. Esemplare in questo senso il confronto tra l’“Ecce Homo” di Hayez e il “Cristo flagellato” di Canonica, a testimoniare il cuore antico della modernità italiana».

Elena Franzoia, da Il Giornale dell'Arte numero 394, febbraio 2019


Ricerca


GDA aprile 2019

Vernissage aprile 2019

Il Giornale delle Mostre online aprile 2019

Vedere a ...
Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012