Torino, da Camera Mollino in viaggio e l'arte nei film

Uno scatto di Carlo Mollino esposto nella mostra «In viaggio»
Chiara Coronelli |

Torino. Un diario composto da cento immagini, per la maggior parte inedite, è il percorso di «In Viaggio», la mostra che Camera-Centro Italiano per la Fotografia, dedica al genio eclettico di Carlo Mollino (Torino, 1905-73), fino al 1° maggio.
Architetto e designer, pilota di aeroplani e auto da corsa, cultore di scienze occulte e grande sciatore, fotografo e amante della bellezza femminile, la sua personalità libera e animata dal bisogno di esplorare si ritrova anche in questi scatti raccolti come appunti fissati in un quaderno. Sono fotografie veloci e precise tra le quali si ritrovano alcuni dei luoghi che Mollino ha visitato sia per piacere sia per lavoro, con la Società degli Ingegneri e degli Architetti di Torino, tra Giappone, India, Stati Uniti, Olanda, Grecia e Romania.
Nei piccoli formati, in bianco e nero e a colori, scorrono oltre ai molti autoritratti, edifici, oggetti di design, corpi di
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata NASTYNASTY© – Miguel Calderòn, Aggressively Mediocre: Mentally Challenged: Fantasy Island (circle one), 1998 - The Royal Tenenbaums, Wes Anderson, 2001 Uno scatto di Carlo Mollino esposto nella mostra «In viaggio» Un autoritratto di Carlo Mollino esposto nella mostra «In viaggio»
Altri articoli di Chiara Coronelli