Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Tel Aviv città bianca del Bauhaus

Centro studi e restauri per i 100 anni della scuola fondata da Gropius in Germania

Il White City Center di Tel Aviv, inaugurato il 19 settembre nella Max-Liebling-Haus sulla Idelson Street, cuore del quartiere Bauhaus di Tel Aviv

La Città Bianca, dal 2003 patrimonio mondiale Unesco nel cuore d’Israele, è il più grande museo a cielo aperto del mondo di architetture Bauhaus: circa 4mila edifici intonacati con calce chiara risplendono nel centro quasi interamente restaurato di Tel Aviv.

Il lavoro di recupero delle costruzioni originali edificate qui fra gli anni ’30 e ’40 dagli architetti ebrei nati nell’allora Mandato Britannico di Palestina oppure scappati in massa dall’Europa che li perseguitava, è frutto di una cooperazione tra Israele e Germania che ha visto partecipare accanto ai tecnici della professione molti privati grazie a un programma di scambio culturale fra le due nazioni.

Pochi giorni dopo l’apertura del Bauhaus Museum nella tedesca Dessau, puntuale all’appuntamento delle celebrazioni mondiali del primo centenario del Bauhaus (1919-2019) è stato inaugurato il 19 settembre a Tel Aviv il White City Center nell’iconica Max-Liebling-Haus sulla Idelson Street, nel cuore pulsante del quartiere cresciuto attorno alla Bialik Square.

Costruita da Max Liebling nel 1936 su progetto di Dov Karmi e con caratteristiche distintive dello stile internazionale, l’omonima casa restaurata dal team guidato dall’architetta israelo-tedesca Sharon Golan-Yaron, anche a capo del progetto di recupero dell’intera Città Bianca con Shira Levy-Benyemini e Sabrina Cegla, è la sede fisica del Programma White City Center, suo cervello centrale in cui vengono prese le decisioni sugli edifici storici e le loro ristrutturazioni, nonché luogo per esposizioni estemporanee e attività educative e divulgative.

La sua apertura è un primo traguardo per un’azione che va avanti caparbiamente dal 2006 e che solo di recente è decollata grazie all’aiuto economico di un governo tedesco finalmente pronto a risarcire parte di quello che un tempo aveva tolto: che beffa per i nazisti che gli ideali nati nella loro città simbolo, Weimar, abbiano messo radici profonde proprio in Israele e da qui siano stati capaci di contagiare il mondo.

Francesca Petretto, da Il Giornale dell'Arte numero 402, novembre 2019


Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Vedere a Torino 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012