T293: l’età del ferro

Francesca Romana Morelli |  | Roma

Il 13 febbraio Paola Guadagnino e Marco Altavilla aprono con una personale di Lorenzo Scotto di Luzio (1972) la nuova sede romana della T293 in via Ripense a Trastevere, non lontano dallo spazio di Gavin Brown.

La galleria, fondata nel 2002 in via dei Tribunali 293 a Napoli, sede tuttora attiva, rappresenta il collettivo francese Claire Fontaine, che ha lanciato, e diversi altri artisti, tra i quali Simon Denny, John Henderson e Dan Rees. A Roma, Altavilla e la Guadagnino hanno ristrutturato un ex deposito di metalli ferrosi di quattrocento metri quadrati: «Volevamo dare ai nostri artisti l’opportunità di confrontarsi con uno spazio più confacente alle loro potenzialità creative», spiegano.

Intanto al Museo Canonica, a Villa Borghese, la galleria ha avviato un ciclo espositivo, «Fortezzuola», curato da Pier Paolo Pancotto. Fino al 28 febbraio è in corso una personale di Martin Soto Climent, cui seguiranno
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Francesca Romana Morelli