Stelle in città

Federico Florian |  | Venezia

Tra gli altri imperdibili eventi (non collaterali) in corso durante la Biennale, oltre alla personale di Damien Hirst a Punta della Dogana e a Palazzo Grassi, sedi della Fondazione Pinault una menzione va alla doppia mostra di Giovanni Anselmo ed Elisabetta di Maggio (entrambe a cura di Chiara Bertola) alla Fondazione Querini Stampalia dal 10 maggio al 24 settembre. «Senza titolo, invisibile, dove le stelle si avvicinano di una spanna in più, mentre oltremare appare verso Sud-Est, e la luce focalizza…» è il titolo del progetto che Anselmo ha immaginato per lo spazio di Carlo Scarpa: tra le opere in mostra «Senza titolo» (1967), composta da una lastra in plexiglas piegata da un ferro uncinato; «Invisibile» (1970-1998-2007), un blocco di granito con sopra incisa la parola «visibile»; e «Dove le stelle si avvicinano di una spanna in più» (2001-16), in cui sei blocchi di pietra compongono le
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Federico Florian