Spinosa & Co.

Per i cento anni dalla nascita di Domenico Spinosa (Napoli, 1916-2007), il Polo museale della Campania e l’Accademia di Belle Arti di Napoli hanno organizzato una retrospettiva curata da Valentina Lanzilli e Aurora Spinosa

Olga Scotto di Vettimo |  | Napoli

Docente di Pittura all’Accademia di Belle Arti di Napoli (1973-86), Spinosa ha partecipato con una sala personale alla Biennale di Venezia del 1960. In mostra alcuni dei dipinti allestiti in quella occasione: «Interno grigio» del 1958 e «Macchina per tessitura» del 1959 tra gli altri.

L’esposizione comprende una cinquantina di dipinti, dalle tele degli anni Cinquanta («Il tavolo da stiro» del 1956; «Natura morta con manichino» del 1957) alle soluzioni informali e materiche degli anni ’60, al lirismo astratto dell’ultimo periodo. Sono esposte inoltre opere di Ennio Morlotti, Mattia Moreni, Pompilio Mandelli, Giuseppe Santomaso, Piero Ruggeri e Luigi Spazzapan.

Non manca in città un circuito di luoghi in cui sono collocate opere dell’artista (Museo di Capodimonte, il Museo ’900 di Castel Sant’Elmo e la Galleria dell’Accademia di Belle Arti) presentate insieme con cicli di incontri, approfondimenti, laboratori e visite guidate.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Olga Scotto di Vettimo