SPECIALE BIENNALE DI VENEZIA. Vip e vamp, squali e pesce spada

Di sera, chiusi i padiglioni, si aprivano i palazzi in un impegnativo turbinio di feste, cene e danze. Alcune davvero memorabili

La festa di Gagosian si è tenuta nel mercato del pesce
Michela Moro |

La Biennale di giorno è il luogo degli artisti, di sera Venezia è la citta di gallerie e fondazioni che festeggiano la loro partecipazione a supporto dei primi, sponsorizzando cene e feste in palazzi prestigiosi fino ai più tradizionali bacari, secondo la potenza di sfondamento (leggi economica) di ciascuno. Calcolando i 120 artisti della mostra principale più le ottantasei partecipazioni nazionali, il numero delle feste che si svolge ogni sera per le cinque sere di questa intensissima settimana è strabiliante e più impegnativo della Biennale stessa.

Lunedì ha aperto le danze Hauser & Wirth a Palazzo Barbaro, opulenza veneziana del 1465, installando un’opera milionaria in ogni stanza, accompagnata da un esperto a disposizione degli affluenti collezionisti in vena di shopping, il tutto seguito da una cena alle Gallerie dell'Accademia.
Martedì era chiaro il vero dramma di questa biennale: troppi pochi
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata Support, la gigantesca scultura di Lorenzo Quinn che sembra sorreggere Ca' Sagredo, è stata festeggiata con un party da Halcyon Gallery La Palazzina G ha ospitato la festa di Pace Gallery
Altri articoli di Michela Moro