Sotheby’s espone Agnetti in Palazzo Serbelloni

Jenny Dogliani |  | Milano

«Quando mi vidi non c’ero». Con queste poche parole uno degli esponenti più innovativi dell’Arte concettuale raffigura se stesso in «Autoritratto» del 1970. È Vincenzo Agnetti (1926-81), nato a Milano, diplomato all’Accademia di Brera, allievo di Giorgio Strehler alla Scuola del Piccolo Teatro.
A lui Sotheby’s dedica in Palazzo Serbelloni dall’1 al 5 febbraio una mostra curata da Bruno Corà, realizzata in collaborazione con l’Archivio Agnetti di Milano.

Amico di Piero Manzoni ed Enrico Castellani con i quali partecipò alla vicenda della rivista e galleria Azimuth, Agnetti esordì giovanissimo cimentandosi nella pittura informale e nella poesia, una produzione di cui poi cancellò ogni traccia, azione che fu la sua prima opera d’arte: «Quello che ho fatto l’ho dimenticato a memoria: è questo il primo documento autentico», dichiarò.

Realizzate nel 1968-78, le opere esposte sono tele, fotografie, interventi
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Jenny Dogliani