Sette modi di essere Biennale / Musicale

Franco Fanelli |  | Venezia

Manualità, SONORITÀ, interattività, antropologia, azioni, costruzioni, muffa: le parole chiave per visitare la Mostra Centrale e i padiglioni nazionali


«The Sun, the Moon and the Stars» è il titolo dell’opera di Dawn Kasper, artista americana che si direbbe debba far pagare a tutti il fatto di non potersi più permettere i costi di un atelier. Così da qualche tempo si è inventata uno studio mobile, zeppo di fotografie, disegni, costumi e, purtroppo, strumenti musicali con i quali (e con l’ausilio di un giradischi e di un computer) inscena cacofonici concerti altresì detti performance in progress. Ce ne infligge uno nella Sala Chini del Padiglione Centrale.


Detto del carillon di Anri Sala, sono da segnalare i pianeti ricavati da grandi sfere di pietra di Alicja Kwade alle Gaggiandre. Più complessa, e da non perdere, l’opera di Carlos Amorales nel Padiglione del Messico. L’artista ha
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Franco Fanelli