Sergio Donadoni, 70 anni di Egittologia

Sergio Donadoni sul cantiere di scavo di Sheshonq nel 1989
Francesco Tiradritti |

Roma. Il 31 ottobre scorso è scomparso Sergio Fabrizio Donadoni.
Con la sua morte si chiude un’epoca dell’Egittologia italiana che abbraccia quasi settant’anni. Donadoni nasce a Palermo il 14 ottobre 1914 e frequenta i corsi della Normale di Pisa dove si laurea nel 1935 sotto la direzione di Evaristo Breccia, direttore del Museo Greco-Romano di Alessandria d’Egitto; per perfezionare le proprie conoscenze egittologiche Donadoni si reca poi a Parigi dove frequenta i corsi impartiti dai maggiori studiosi dell’epoca. Nello stesso periodo prende anche parte agli scavi dell’Istituto Papirologico di Firenze ad Antinoe, la città fondata dall’imperatore Adriano in memoria dell’amato Antinoo. Viene in seguito chiamato da Achille Vogliano, docente di Filologia Classica presso la Regia Università di Milano, a partecipare alle ricerche archeologiche sul sito di Medinet Madi dove si occupa della
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Francesco Tiradritti