Selfiemania antica

Da sempre pittori e fotografi hanno amato raffigurarsi nelle proprie opere

Francesca Petretto |

Lubecca (Germania). «Io e il mio selfie» è il titolo di una mostra alla Kunsthalle St. Annen incentrata sul «self portrait» d’artista nel XX e XXI secolo. Da sempre pittori e fotografi hanno amato raffigurarsi nelle proprie opere: i primi in veri e propri autoritratti con nome o mascherandosi fra altri, dando il proprio volto a personaggi dell’antichità e del mito; i secondi in più recenti autoscatti diretti o allo specchio, involontari precursori della moderna moda del selfie.

Oggi in tutto il mondo i possessori di smartphone si immortalano nelle più disparate situazioni allo scopo di condividerle con amici e pubblico sui social network: è solo irrefrenabile esibizionismo o, come da lettura dei curatori di Lubecca, una sorta di trasposizione in salsa pop-millennial della «autorappresentazione in scena» sperimentata per secoli da artisti desiderosi di apparire, palesarsi finalmente a un
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Francesca Petretto