Salvato un affresco. Anzi, 620

Nella Basilica Inferiore di Assisi restaurati il nartece e la Cappella di Santa Caterina

Una veduta degli interni di Santa Caterina di Assisi
Stefano Miliani |

Assisi (Pg). Basilica di San Francesco e Sacro Convento ad Assisi costituiscono un cantiere che non può avere fine, ma negli ultimi tempi si sono registrati passi decisivi. Nella Chiesa Inferiore sono stati restaurati due cicli di affreschi: quello realizzato da Andrea da Bologna, o de’ Bartoli, nella Cappella di Santa Caterina (datati 1373), e quello eseguito nel Seicento da Cesare Sermei lungo i 40 metri del nartece. Entrambi gli interventi sono stati resi possibili grazie al crowdfunding «Salva un affresco» lanciato dal quotidiano «la Repubblica», a donazioni private e a un contributo del Ministero per i Beni e le Attività culturali e il Turismo.

In parallelo si sta lavorando alla collezione di vetrate storiche del Sacro Convento: oltre a quelle già allestite nella Sala Papale, un altro centinaio gode di una nuova sistemazione in un deposito attrezzato dotato di rastrelliere e cassettiere
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Miliani