Roma: Vittoriano autonomo, l’Appia no

Non più autonomia per la Regina Viarum, ma rinnovata integrazione in una Soprintendenza maggiore

Il complesso del Vittoriano
Guglielmo Gigliotti |  | Roma

Una mostra al Vittoriano per annunciare il suo nuovo destino: il Monumento a Vittorio Emanuele II non sarà più parte del Polo Museale del Lazio, retto da Edith Gabrielli, ma avrà autonomia scientifica, finanziaria, contabile e amministrativa.

È questo uno dei tasselli della riforma delle Soprintendenze approntata dal ministro Bonisoli, intervenuto alla conferenza stampa della mostra «Lessico italiano. Volti e storie del nostro Paese», aperta fino al 2 ottobre in ambienti adibiti a mostre temporanee del monumento intitolato alle glorie del Risorgimento.

Opere e oggetti antichi e contemporanei (da un codice miniato della Divina Commedia a lavori di Ontani, Plessi, Boetti e Paladino) illustrano i valori simbolo dell’Italia, centrati, secondo il ministro, nei concetti di «unità, solidarietà e comune appartenenza».

La nuova strada prevista per il monumento progettato da Giuseppe Sacconi, visitato
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Guglielmo Gigliotti