Robert Frank, «nato per fare il fotografo»

È morto a 94 anni l'autore di «The Americans» (1960), un precursore della fotografia documentaria degli anni successivi

Walter Guadagnini |

Nella lettera di sostegno che accompagnava la richiesta di una borsa di studio alla John Simon Guggenheim Memorial Foundation, il grande Walker Evans così descriveva il giovane richiedente, un fotografo nato nel 1924 a Zurigo e trasferitosi negli Stati Uniti nel 1947: «Quest'uomo è probabilmente il più talentuoso dei giovani fotografi del giorno d'oggi. In ogni caso io penso che sia così [...]. Robert Frank è nato per fare il fotografo, se questo è possibile [...]. Alla sua età egli è già un lavoratore estremamente serio (non serioso) e possiede una straordinaria profondità di pensiero [...]. Nel mondo della fotografia è raro trovare qualcuno che sia tanto dotato».

Grande intuito del vecchio maestro, certo, ma segno anche di una sorta di predestinazione del giovane Frank, che era già stato selezionato da Edward Steichen per partecipare con una sua immagine alla storica mostra «The Family of
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Walter Guadagnini
Altri articoli in PERSONE