Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Opinioni

Ritorno al futuro | Daniele Pittèri

La parola ai professionisti della cultura sui tempi che verranno

Daniele Pittèri

«Che cosa succederà nel mondo della cultura? È una bella domanda alla quale io non riesco a rispondere se non con una lunga serie di domande.
• Sarà questa l’occasione per dare alla cultura italiana ciò che le manca?
• Riusciranno le istituzioni culturali a creare un rapporto stabile, duraturo e dinamico con le comunità e le persone che vivono i territori?
• Rinascerà la capacità e la voglia di innestare processi culturali volti al cambiamento e alla trasformazione?
• Riuscirà la cultura a liberarsi dalla sudditanza alla politica e a smetterla di rincorrere l’opinione comune?
• Si riuscirà a trovare una dimensione in cui fare cultura non significhi solo confezionare prodotti culturali da vendere ai turisti?
• Si riusciranno a creare reti territoriali collaborative fra istituzioni grandi e piccole e tessuto culturale, che vadano oltre la logica del mantenimento di posizioni di rendita?
• Si riusciranno a semplificare i processi gestionali e amministrativi e a far sì che il settore goda di quell’elasticità di cui ha terribilmente bisogno?
• Si costruirà una vera dimensione digitale, cogliendone a pieno le potenzialità, facendo sì che l’enorme quantità di dati si trasformi in humus per le scuole, le università, le persone, le imprese, le organizzazioni?

Quello che percepisco in questi giorni è l’ansia di un ritorno alla normalità che, se psicologicamente è comprensibile, non mi pare debba costituire l’obiettivo prioritario, se la normalità è il ritorno alla fragilità e all’inconsistenza che c’era prima del virus. Certo, la preoccupazione per i destini di migliaia di lavoratori è forte. Ed è sicuramente prioritario pensare a loro e quindi ricostruire le condizioni affinché possano nuovamente agire e lavorare.

Ma approfittiamo per ricostruire su basi nuove, recuperando innanzitutto la consapevolezza che fare cultura significa sporcarsi le mani per cambiare, trasformare, anche problematicamente, le cose, i rapporti sociali, le dinamiche produttive, le relazioni, il destino dei territori e delle persone. Se lo faremo e ci riusciremo, beh, allora questa crisi sarà servita a qualcosa».

L'autore è direttore generale Fondazione Modena Arti Visive

Daniele Pittèri , edizione online, 27 marzo 2020



GDA maggio giugno 2020

GDA408 maggio-giugno VERNISSAGE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELLE MOSTRE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELL

GDA408 maggio-giugno VEDERE IN ABRUZZO

GDA408 Inchiesta FAREMO COSÌ

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012