Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

A Voice of America

Riapertura: in Usa ogni museo decide per sé

Le uniche regole a cui sono vincolati sono quelle dei loro Stati

La locandina di riapertura del Museum of Fine Arts di Houston

Dopo più di due mesi di chiusura dovuta alla pandemia, i musei statunitensi hanno lentamente iniziato a riaprire. Lo stesso sta accadendo in Europa, la grande differenza è che negli Stati Uniti non esiste un Ministero della Cultura che dia indicazioni sull’apertura. Gli Stati Uniti sono un Paese federale e le uniche regole a cui sono vincolati i musei sono quelle dei loro Stati, e anche quelle che in genere offrono solo una linea guida. Associazioni come l’Icom (International Council of Museums) e l’Aam (American Alliance of Museums) hanno fornito delle indicazioni generali, ma in realtà la decisione e le modalità della riapertura sono lasciate a ciascun museo. I direttori, in particolare quelli di grandi istituzioni come il Met, il Getty e la National Gallery, hanno organizzato incontri regolari per scambiare idee, ma la realtà di queste grandi istituzioni è molto diversa dalla grande maggioranza dei musei americani.

L’impatto della pandemia è stato maggiore in città densamente popolate come New York e Los Angeles. I grandi musei di queste città sono quelli che, anche se possiedono sostanziali riserve di fondi (i cosiddetti «endowments»), dipendono anche fortemente dalle entrate generate dai biglietti d’ingresso dei turisti internazionali, molti dei quali non torneranno per molti mesi. Nelle città più piccole, non solo la loro popolazione è stata meno colpita dalla pandemia, ma i musei contano di più sulle entrate legate al pubblico locale, e quindi possono aspettarsi di tornare più velocemente al numero di visitatori abituale. Per molte di queste istituzioni il dilemma è come bilanciare i costi.

Anche se chiusi, i musei hanno costi fissi per mantenere l’edificio e la sicurezza della collezione. Con l’apertura, alcuni di questi costi vengono compensati dalla biglietteria, dai ristoranti e dai ricavi dei negozi, ma al contempo l’apertura comporta dei consumi di elettricità e personale per cui i costi lievitano. In realtà non c’è nessun beneficio economico nell’aprire quando vi sono ancora le restrizioni di distanziamento sociale. C’è però un grande desiderio di riapertura guidato dalla missione sociale ed educativa di ogni museo.

Quindi? Il Met ha annunciato che non riaprirà prima di fine agosto, ma le istituzioni più piccole hanno iniziato ad aprire. Il primo è stato il Museum of Fine Art di Houston. Imponendo misure di distanziamento sociale e l’uso obbligatorio della mascherina, ha riaperto il 20 maggio e la risposta locale è stata entusiasta. Gli amanti dell’arte hanno un autentico desiderio di rivedere le opere d’arte da vicino, tanto che alcuni dei visitatori sono arrivati anche da Dallas dove i musei erano ancora chiusi, facendosi tre ore di automobile.

Maria Sancho-Arroyo, da Il Giornale dell'Arte numero 409, luglio 2020



GDA411 OTTOBRE 2020

GDA411 OTTOBRE 2020 VERNISSAGE

GDA411 OTTOBRE 2020 GDECONOMIA

GDA411 OTTOBRE 2020 GDMOSTRE

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012