Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Raffigurare è umano

Gerhard Richter al Met Breuer

«Vesuvius» (1976) di Gerhard Richter. The Long View Legacy Trust, LLC © Gerhard Richter 2019 (08102019)

New York. «La volontà di raffigurare le cose, di osservarle, è ciò che ci rende umani. È così che l’arte acquisisce senso e dà forma a tale senso, come la ricerca religiosa di dio». Con queste parole Gerhard Richter, forse il più prolifico e influente pittore contemporaneo sulla scena internazionale, definisce l’essenza stessa della sua pratica: la pittura come esplorazione gnoseologica, per definirla in termini filosofici; oppure, detta altrimenti, come mezzo per conoscere la realtà e il mondo.

Ragione per cui i suoi lavori, tecnicamente ineccepibili, oscillano tra figurazione e astrazione, naturalismo e concettualismo, tutti prodotti di una sessantennale indagine sul medium pittorico, tutt’oggi ancora in corso.

Dal 4 marzo al 5 luglio il Met Breuer di New York ospita un’ambiziosa retrospettiva dell’artista tedesco (nato a Dresda nel 1932 e ora di stanza a Colonia), la maggiore in territorio statunitense negli ultimi vent’anni.

Oltre cento i lavori in mostra, fra cui anche alcune foto, stampe e due nuove sculture in vetro, ideati nell’arco di un dilatatissimo intervallo temporale: dagli albori degli anni Sessanta, quando Richter realizzò le prime copie dipinte di fotografie in bianco e nero, rese in scale di grigi dall’effetto sfumato, ai giorni nostri.

Punto di partenza del percorso espositivo sono due serie pittoriche, rispettivamente del 2014 e del 2006, entrambe esposte in America per la prima volta: «Birkenau», interpretazione espressionista delle uniche immagini fotografiche scattate dai prigionieri del campo di concentramento nazista, e «Cage», composizioni astratte multistratificate prodotte in omaggio al musicista John Cage.

Fra i must-see, il gruppo di dodici dipinti «Forest» (2005), con cui l’artista ridefinisce il genere della pittura di paesaggio, e la serie di monotipi «Elba», realizzata alla fine degli anni ’50 e meno nota ai più. A cura di Sheena Wagstaff e Benjamin H.D. Buchloh, la retrospettiva in agosto verrà allestita al MoCA di Los Angeles.

Federico Florian, da Il Giornale dell'Arte numero 406, marzo 2020


GDA aprile 2020

Vernissage aprile 2020

Il Giornale delle Mostre online aprile 2020

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012