CONTINENTE ITALIA 970 x 90 Nuova testata GDA

Mostre

RAFFAELLO 500 | Le influenze

Ispiratore dei maestri ceramisti del Centro Italia

Le Logge dei Tiratori della Lana, sede della mostra di Gubbio

Attraverso le incisioni Raffaello ispirò anche molti ceramisti del Centro Italia. Di questo influsso e delle sue ramificazioni vuole dare conto «Dal lustro all’istoriato: Raffaello e la nuova maiolica», mostra organizzata dalla Fondazione CariPerugia Arte alle Logge dei Tiratori della Lana di Gubbio fino al 6 gennaio per i 500 anni dalla morte del pittore.

Circa 140 i pezzi esposti: dall’ultimo quarto del ’400 fino a ’800 e ’900 con il focus principale sul XVI secolo. Descrive le ragioni della rassegna uno dei due curatori insieme a Franco Cocchi, il conservatore del Museo della Ceramica di Deruta Giulio Busti: «Mostriamo il passaggio dalla tecnica del “lustro” che si sviluppò a Deruta e Gubbio all’innovazione della ceramica “istoriata” scaturita dalla lezione di Raffaello attraverso le incisioni di Marcantonio Raimondi che i ceramisti presero a modello iconografico».

Prima del Sanzio a chi guardavano? «La pittura era la loro prima fonte di ispirazione e quindi al Pinturicchio e al Perugino. Dopo, in particolare in Umbria e a Gubbio, nell’istoriato i ceramisti si ispirarono alla pittura raffaellesca, a storie tratte da Ovidio e dalla cultura classica che hanno avuto molta importanza nel lavoro di botteghe come quella di Mastro Giorgio Andreoli».

Stefano Miliani, da Il Giornale dell'Arte numero 411, ottobre 2020

©RIPRODUZIONE RISERVATA


SOTHEBYS 13-26 novembre 2020
VEDERE NEL MONDO 2020




GDA412 Bertozzi & Casoni

GDA412

GDA412 Vernissage

GDA412 GDECONOMIA

GDA412 GDMOSTRE

GDA142 Vedere in Canton Ticino

GDA412 Vedere a Torino

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012