Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Quando de Chirico «incontrò» Parigi

La mostra all'Orangerie è aperta fino al 14 dicembre. A gennaio sarà ad Amburgo

Giorgio De Chirico, «Il Ritornante», 1917-18 (particolare). Olio su tela, 94x77,9 cm. © Georges Meguerditchian Centre Pompidou, MNAM-CCI  / Dist. RMN-GP © Adagp, Paris

Ha potuto finalmente aprire al Musée de l’Orangerie di Parigi il 16 settembre la mostra «Giorgio de Chirico. La pittura metafisica», inizialmente programmata in primavera, grazie al fatto che l’Orangerie (che non possiede quadri di de Chirico) ha potuto riprogrammare i prestiti.

Aperta fino al 14 dicembre, la mostra si avvale di opere in arrivo dalla Tate di Londra, dalla Fondazione Cerruti di Rivoli e dalla Guggenheim di Venezia. Sarà poi allestita alla Hamburger Kunsthalle dal 22 gennaio al 25 aprile 2021. La mostra è a cura di Paolo Baldacci (curatore generale della mostra e curatore del catalogo ragionato di de Chirico), dell’Archivio dell’Arte metafisica di Milano (che il Giornale dell'Arte aveva intervistato a questo proposito), Cécile Girardeau, curatrice del Musée de l'Orangerie e Annabelle Görgen-Lammers, curatrice dell'Hamburger Kunsthalle.

Redazione, edizione online, 17 settembre 2020



GDA411 OTTOBRE 2020

GDA411 OTTOBRE 2020 VERNISSAGE

GDA411 OTTOBRE 2020 GDECONOMIA

GDA411 OTTOBRE 2020 GDMOSTRE

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012