Quale artista resterai se il tuo archivio non avrai?

Ada Masoero |  | Milano

È troppo pericoloso fidarsi dei giudizi di eredi e di esperti singoli, spesso incompetenti e avidi: per rilasciare autentiche ci vogliono archivi (e cataloghi) che abbiano accumulato una conoscenza profonda. Ma è sempre così? Il caso esemplare di de Pisis nelle parole del nipote: su 5mila opere esaminate, solo 1.500 autenticate («ma noi vogliamo l’unanimità dei pareri, non ci basta la maggioranza»). Partendo dall’archivio del celebre (e falsificatissimo) zio omonimo, ha creato un’associazione degli archivi d’artista italiani (a oggi ne aderiscono 14). A fine novembre in convegno all’Università di Milano-Bicocca

Il 28 e 29 novembre, nell’Aula Magna dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, si terrà il convegno internazionale «Archivi d’artista e lasciti: memorie culturali tra diritto e mercato», un evento che risponde a esigenze sempre più diffuse e quanto mai attuali,
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Ada Masoero